Me

Madagascar: italiano annega in resort, ma resta il giallo sulla morte

Il ragazzo è stato trovato in di vita nella piscina del resort ed è morto in ospedale: i tentavi dei medici di salvarlo sono stati inutili

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 12 Gen. 2019 alle 14:26 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 08:14
Immagine di copertina
Fonte: Facebook

Un ragazzo di 24 anni, Aliosha Calipari, originario della Bielorussia ma residente a Reggio Calabria, ha perso la vita mentre lavorava in un resort nel Madagascar: il ragazzo si trovava nella struttura turistica da marzo 2018 come animatore.

Il giovane è stato trovato in fin di vita nella piscina del resort ed è morto in ospedale: i tentavi dei medici di salvarlo sono stati inutili.

La morte di Aliosha Calipari sarebbe stata causata da annegamento, ma la vicenda è poco chiara e alcuni elementi non sembrano combaciare.

Chi era Aliosha Calipari – Aliosha era stato adottato da un medico di Reggio Calabria insieme ad altri due fratelli gemelli, anche loro originari della Bielorussia, e da marzo del 2018 si trovava in Madagascar per motivi di lavoro.

Sulla sua morte si è espresso il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, che in una dichiarazione ha chiesto che “il governo si impegni da subito per capire cosa è accaduto ad Alessio Calipari. Ho fatto visita alla famiglia che chiede di conoscere cosa è successo al giovane”.

“È un suo sacrosanto diritto sapere la verità. Ci sono molte contraddizioni nei racconti dell’accaduto e sarebbe opportuno approfondire da subito per fare chiarezza con tutti gli strumenti utili e necessari. Il villaggio in cui è morto Aliosha è dotato di telecamere a circuito chiuso e le immagini registrate potrebbero essere utili per capire cosa è successo dal momento del ‘possibile incidente’ fino al ritrovamento di Alessio in fin di vita, avvenuto diverse ore dopo. Il giovane era stato poi trasportato ancora vivo in ospedale”, ha concluso il senatore.

Intanto sulla pagina Facebook del giovane sono comparsi  diversi messaggi di cordoglio da parte di amici e persone che conoscevano il giovane.