Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Malata di slot faceva prostituire la figlia per giocarsi tutti i soldi, arrestata a Milano la madre

La sorellina più piccola veniva frustata e costretta ai lavori domestici

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 7 Mar. 2019 alle 15:42
0
Immagine di copertina
La donna frustava anche la ragazza per avere i soldi

Arriva da Milano una storia di orrore senza fine dove una donna costringeva la figlia 22enne a prostituirsi per avere i soldi da giocare alle slot machines. Non solo, la sorellina di 12 anni veniva frustata con cavi elettrici, picchiata, costretta a fare le pulizie domestiche, a portare casse d’acqua pesanti e a consegnare denaro al bar dove la madre giocava d’azzardo.

La piccola veniva anche chiamata “bastarda” e “puttana” e in alcune occasioni era stata anche istigata al suicidio. Il dramma di queste due ragazze è venuto fuori dopo che un’insegnante si era sentita rivolgere da una di loro la domanda “Prostituirsi è un reato?” durante un incontro sul bullismo: una volta riportate queste parole ai Carabinieri della stazione Milano Vigentino, gli agenti hanno aperto le indagini fino a scoprire la drammatica verità.

La 51enne viveva con le due vittime in uno stabile occupato alla periferia sud del Capoluogo lombardo e “vendeva” la figlia grande in alcuni locali notturni del centro a “persone facoltose e politici”. Poi, terminate le prestazioni sessuali, le requisiva tutti i soldi per giocare ai videopoker spendendo fino a 400 euro al giorno.

La madre ora si trova nel carcere di San Vittore ed è accusata di maltrattamenti in famiglia, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Leggi anche: Una madre ha fatto prostituire la figlia di 12 anni per giocarsi i soldi al bingo

Leggi anche: “Io, prostituta all’età di 13 anni, non credo più all’amore”: storia di Augusta dalla Sierra Leone 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.