Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

Brescia, il presidente del Tar: “I diritti umani sono una penosa litania”. È polemica

Immagine di copertina

Le dichiarazioni di Roberto Polito durante l'apertura dell'anno giudiziario

PRESIDENTE TAR BRESCIA DIRITTI UMANI – Fanno discutere le parole pronunciate dal presidente del Tribunale amministrativo regionale di Brescia, Roberto Politi, in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario il 14 marzo 2019. Politi, infatti, all’evento aveva detto: “Fuori da un coro sempre pronto ad affratellare le voci più disparate che vengono ad omogeneizzarsi nel mantra della penosa litania dei diritti fondamentali, credo sia giunta la stagione in cui la fin troppo frequente evocazione di irrinunciabili e non negoziabili posizioni giuridiche alle quali l’ordinamento deve prestare tutela possa, finalmente, essere declinata anche in favore dei cittadini italiani, nati in Italia da cittadini a loro volta italiani”.

La posizione del giudice, che a molti è sembrata di carattere politico, non è stata apprezzata da diverse personalità. “Appare offensivo definire ‘penosa litania di diritti fondamentali’ la richiesta del rispetto dei diritti inviolabili riconosciuti dalla nostra Costituzione a ogni individuo indipendentemente dalla sua cittadinanza”, ha affermato, sulla questione, il direttivo della Camera penale di Brescia.

Un’opinione velatamente condivisa dal presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi: “L’affermazione convinta e costante dei diritti fondamentali non costituisce una ‘litania’ come ho sentito dire”. Roberto Calderoli, parlamentare della Lega, ha invece appoggiato le idee del presidente del Tar di Brescia.

Politi, durante il suo discorso in Tribunale, aveva anche definito il governo giallo-verde un “esecutivo finalmente non più pavido” per le ultime riforme. Aveva sperato, poi, in una riscrittura del Testo unico sull’immigrazione.

Tutto quello che c’è da sapere sul Decreto Sicurezza e Immigrazione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto