Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

La modella svedese minacciata di stupro dopo aver posato con le gambe non depilate

La fotografa e modella Arvida Byström è stata bersaglio di minacce dopo aver posato con i peli sulle gambe per una pubblicità di un noto marchio di scarpe

Di Anna Ditta
Pubblicato il 7 Ott. 2017 alle 12:14 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 19:41
0
Immagine di copertina
Arvida Byström, 26 anni, nello spot Adidas.

La modella svedese Arvida Byström ha detto di aver ricevuto minacce di stupro dopo la pubblicazione di alcune foto di una campagna pubblicitaria che la ritraevano con i peli sulle gambe.

Se ti piace questa notizia segui TPI Pop direttamente su Facebook

Byström, che è anche una fotografa e una digital artist, ha recentemente posato per un servizio fotografico e un filmato di promozione delle scarpe Adidas. Nel video, la modella ha criticato la regola per cui le donne devono depilarsi le gambe.

Sotto il video della campagna, pubblicato su Youtube, sono comparsi commenti offensivi. “È questo che sono diventate alcune donne? No grazie”, scrive un utente. “Smetti anche di lavanti i denti e pulirti il sedere, f*****a feminazi ritardata”, scrive un altro. Ci sono anche commenti di sostegno e solidarietà per gli insulti ricevuti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“La mia foto con la campagna delle Adidas original superstar ha ricevuto molti commenti crudeli la scorsa settimana”, ha scritto Byström sul suo profilo Instagram. “Io sono una persona in salute, bianca e cisgender, la mia unica caratteristica anti convenzionale sono i peli sulle gambe. Ho ricevuto letteralmente minacce di stupro in chat. Non riesco neanche a immaginare cosa voglia dire non possedere tutti questi privilegi e provare ad esistere al mondo”, ha aggiunto.

Byström ha 26 anni ed è conosciuta perché sfida la percezione comune della femminilità e dell’estetica femminile. È comparsa più volte in trasmissioni televisive mostrando i peli del suo corpo e ha anche postato alcune foto che mostrano la sua cellulite, come riporta il quotidiano britannico The Guardian.

Insieme alla collega Molly Soda ha curato il progetto Pics Or It Didn’t Happen, un libro che contiene 270 immagini censurate da Instagram che riguardano i capezzoli femminili, le secrezioni vaginali o i peli del corpo.

trying to show off some cellulites and a dimpled cherry 🍒

Un post condiviso da arvida byström (@arvidabystrom) in data:

“Penso che la femminilità sia di solito un prodotto della nostra cultura, quindi ritengo che tutti possano fare cose femminili, o possano essere femminili. Sento che nella società di oggi questo ci fa molta paura”, dice Byström nel video.

Qui sotto il video della pubblicità:

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.