Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Gossip

Moda, Gucci assume 300 persone in tutto il mondo: ecco come candidarsi

Immagine di copertina
Lo store di Gucci a New York. Credit: Getty Images

La maison di moda, tra le più amate e apprezzate in tutto il mondo, ha già assunto 600 persone e conta di selezionarne altre 300 entro la fine del 2018

Gucci cerca 300 nuovi dipendenti. Il marchio italiano nato a Firenze nel 1921 che conta ben 300 punti vendita sparsi in tutto il mondo è pronto ad assumere entro la fine dell’anno.

Sono diverse le posizioni aperte per lavorare nella prestigiosa maison di moda, non soltanto nei punti vendita presenti in Italia. Infatti diversi sono i posti disponibili per i negozi Gucci all’estero.

Le nuove selezioni di Gucci arrivano all’indomani di importanti investimenti messi in atto lo scorso anno dall’azienda nel campo della ricerca di nuove risorse umane da posizionare nei diversi stores. La griffe aveva pensato di selezionare 900 nuovi soggetti entro la fine del 2018, ad oggi restano fuori ancora 400 posti da coprire. 600 persone sono già state assunte.

I posti in questione ancora vacanti sono relativi ai punti vendita dello stabilimento di Scandicci, a Firenze, che da pochi mesi ha aperto le porte al pubblico. Fuori dalla Toscana, Gucci cerca personale per i negozi presenti nel Lazio, ma anche in Lombardia e Piemonte, in Venerto, in Emilia Romagna e in Sardegna.

Come detto, non c’è solo l’Italia in ballo. Infatti la maison – che è senza ombra di dubbio una delle più apprezzate in assoluto a livello globale – cerca personale anche per i punti venita in diversi paesi dell’Europa, negli Stati Uniti e in Asia.

Dai pianti alti di Gucci si stanno cercando diversi profili professionali. Non solo, infatti, i classici ambiti di acquisto e merchandising, ma sono interessate all’ampliamento del numero di lavoratori anche i settori dello sviluppo e strategie di comunicazione, design e settore creativo, area legale e logistica, e-business ed information technology, produzione artigianale, vendite negli store.

Per sapere di più rispetto ai profili ricercati dall’azienda, basterà andare sul sito, nell’apposita area “Lavora con noi”. Ad esempio a New York si cerca un assistente nello store dedicato alle calzature da donna, mentre  per Honolulu sono aperte diverse posizioni, soprattutto manageriali. Anche a Roma, su via Condotti, si cerca una persona nel settore manageriale.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Selvaggia Lucarelli: “Fedez ora dimentica i diritti civili e si butta a destra”
Gossip / Rottura con Chiara Ferragni, Fedez rompe il silenzio: “Vi pare un gioco?”
Gossip / È stata Chiara Ferragni ad aver cacciato Fedez da casa: “Settimane di silenzi”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Selvaggia Lucarelli: “Fedez ora dimentica i diritti civili e si butta a destra”
Gossip / Rottura con Chiara Ferragni, Fedez rompe il silenzio: “Vi pare un gioco?”
Gossip / È stata Chiara Ferragni ad aver cacciato Fedez da casa: “Settimane di silenzi”
Gossip / Separazione Ferragnez? Arriva il post “vendicativo” di Myrta Merlino
Gossip / “Chiara Ferragni ha contattato un avvocato divorzista per la separazione da Fedez”: l’indiscrezione
Gossip / Il direttore di Novella 2000: “Ecco dov’è andato Fedez dopo la rottura con Chiara Ferragni”
Gossip / Crisi Ferragnez, l’esperta di marketing non ci crede: “Ecco cosa c’è dietro”
Gossip / Rottura con Fedez, fonti vicine a Chiara Ferragni: “Non era preparata, ora aspetta di capire”
Gossip / La madre di Fedez sulla rottura con Chiara Ferragni: “Speriamo vada tutto bene”
Gossip / Chiara Ferragni e Fedez: ecco cosa avrebbe messo la parola “fine” alla relazione