Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Gossip

“Votano Salvini ma accompagnano i figli ai nostri concerti”: le parole polemiche di Ghali

Immagine di copertina
Ghali nel video "Happy days"

Il rapper italiano parla del ministro dell'Interno e commenta le dichiarazioni dell'artista Salmo

“Il bello è che chi vota Salvini viene a vedere i nostri concerti per accompagnare i figli: un cortocircuito”. Le parole di Ghali, tra i rapper italiani più seguiti del momento, sono inequivocabili. E non è la prima volta che un cantante si discosti dal pensiero politico dell’attuale ministro dell’Interno.

Le dichiarazioni di Ghali su Matteo Salvini

Nell’intervista, realizzata dal Messaggero, Ghali parla del vicepremier Salvini commentando l’ultima dichiarazione di Salmo a riguardo. Il rapper di Olbia, infatti, aveva recentemente affermato: “Se state con Salvini, strappate le mie magliette e bruciate i miei cd”.

Salmo è uno degli artisti preferiti di Ghali: “Per me è un grande”.

Chi è Ghali

Il 13 novembre 2018, al Palalottomatica di Roma, il rapper si è esibito davanti a più di 7mila persone. Si è concluso così il tour di quest’anno “Dai palazzi ai palazzetti”, denominazione che racchiude l’essenza della sua storia.

Ghali, per esteso Ghali Amdouni, è nato il 21 maggio 1993 a Baggio, un quartiere della periferia milanese. Figlio di genitori tunisini e da sempre appassionato di musica, è entrato nella scena rap italiana a partire dal 2011. Ninna nanna, il suo primo singolo, lo ha reso noto al grande pubblico: ha stabilito, infatti, un nuovo record di streaming raggiungendo il più alto numero di ascolti nel primo giorno di pubblicazione.

Il cantante si contraddistingue dagli altri rapper milanesi per la sua cultura multietnica e per il suo passato difficile. Cresciuto in condizioni economiche non facili e discriminato per le sue origini, ha avuto la sola presenza della madre durante l’infanzia, poiché il padre era – ed è tuttora – in prigione, come lui stesso racconta nelle canzoni.

La sua storia, dunque, lo spinge a cantare di islam e immigrazione. Questo è ciò di cui parla fondamentalmente Cara Italia, tra i brani di maggiore successo del 2018.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Il direttore di Novella 2000: “Ecco dov’è andato Fedez dopo la rottura con Chiara Ferragni”
Gossip / Crisi Ferragnez, l’esperta di marketing non ci crede: “Ecco cosa c’è dietro”
Gossip / Rottura con Fedez, fonti vicine a Chiara Ferragni: “Non era preparata, ora aspetta di capire”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Il direttore di Novella 2000: “Ecco dov’è andato Fedez dopo la rottura con Chiara Ferragni”
Gossip / Crisi Ferragnez, l’esperta di marketing non ci crede: “Ecco cosa c’è dietro”
Gossip / Rottura con Fedez, fonti vicine a Chiara Ferragni: “Non era preparata, ora aspetta di capire”
Gossip / La madre di Fedez sulla rottura con Chiara Ferragni: “Speriamo vada tutto bene”
Gossip / Chiara Ferragni e Fedez: ecco cosa avrebbe messo la parola “fine” alla relazione
Gossip / Chiara Ferragni rompe il silenzio: domenica 3 marzo andrà in tv da Fabio Fazio
Gossip / Lo sfogo di Chiara Ferragni: “Sono piena di tutte le sfighe di questo periodo”
Gossip / “È finita tra Chiara Ferragni e Fedez, lui se n’è andato di casa”: la clamorosa indiscrezione
Gossip / Chiara Ferragni, foto senza fede: è rottura con Fedez?
Gossip / Fabrizio Corona: “Ilary Blasi mi ha telefonato e si è scusata, sui tradimenti di Totti mi ha dato ragione”