Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Corruzione, omicidi e prostituzione: gli scatti che rivelano il lato oscuro di Los Angeles

Dagli anni Venti agli anni Cinquanta la città di Los Angeles era dominata dal suo lato più oscuro, fatto di gin, tatuaggi, bische, locali notturni e brutali crimini

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 22 Feb. 2018 alle 15:38 Aggiornato il 22 Feb. 2018 alle 15:40
43

Oggi Los Angeles è conosciuta per essere la sede del distretto di Hollywood, la Mecca del cinema, ma durante gli anni del primo dopoguerra la città si stava risvegliando dal suo lato più oscuro, trasformandosi nella brillante metropoli che conosciamo oggi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Lungo la strada, una patina opaca ha cominciato a rivestire la sua facciata sempre più glamour, nascondendo i più atroci delitti.

Il libro Dark City. The Real Los Angeles Noir rivela l’oscura vita della Los Angeles del dopoguerra in una serie di impressionanti scatti che descrivono il feroce omicidio della Black Dahlia, i culti e i poliziotti corrotti della città.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Nel 1920 la popolazione di Los Angeles si attestava intorno ai 577mila abitanti, molto lontana dai quattro milioni di persone che ci vivono attualmente, e mentre una parte della città inseguiva i propri sogni di gloria, c’era una folto gruppo di persone che si dedicava a corruzione, criminalità e prostituzione.

Le foto in bianco e nero esplorano la realtà più oscura della Città degli Angeli dagli anni Venti agli anni Cinquanta.

Vicoli, gin, tatuaggi, bische, locali notturni e le scene del crimine più brutali: questo è ciò che viene rappresentato all’interno del libro, per riscoprire una città piena di omicidi e caos.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

43
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.