Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

I migranti rischiano di morire di freddo con l’arrivo dell’inverno

Immagine di copertina

Le basse temperature che hanno colpito i Balcani e l'Europa centrale negli ultimi mesi mettono a rischio la vita di migranti e rifugiati che approdano in Europa

Il numero di richiedenti asilo continua ad aumentare nonostante le condizioni climatiche disastrose. Oltre ai 700mila arrivi contati sinora dall’inizio del 2015, è previsto che altri 3 milioni di rifugiati arriveranno entro la fine del 2016, raggiungendo un numero record.

Con l’arrivo dell’inverno le condizioni climatiche sfavorevoli che hanno colpito Balcani e Europa centrale peggioreranno rendendo ancora più difficile non solo il viaggio dei rifugiati, ma anche l’approdo e l’alloggio. La situazione potrebbe trasformarsi “in una tragedia da un momento all’altro”, ha dichiarato António Guterres, l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unchr). “Francamente, sono terrorizzato dalle previsioni per l’inverno di quest’anno”, ha aggiunto.

Il rischio che molti bambini e famiglie di rifugiati muoiano di freddo quest’inverno è alto se continueranno a dormire in alloggi di fortuna, senza l’abbigliamento adeguato per affrontare le basse temperature. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha mostrato grande allarmismo.  

Al fine di evitare seri rischi per la vita dei migranti durante i mesi invernali, lUnchr si impegna a mettere in campo misure di sostegno verso Croazia, Grecia, Serbia, Slovenia e Macedonia. Nell’atto pratico, si impegnerà a preparare, adottare e migliorare le strutture di accoglienza già esistenti e a fornire alloggi di emergenza tra cui tende per le famiglie, unità abitative per i rifugiati e tensostrutture dotate di riscaldamento.

Lo scorso venerdì 30 ottobre, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) ha iniziato l’implementazione del piano di assistenza invernale per le popolazioni colpite dalla crisi siriana e irachena dell’anno 2015-2016, volto a migliorare le condizioni dei rifugiati che vivono in alloggi di fortuna. È prevista la distribuzione di vestiti invernali, stufe, carbone e coperte, e la sostituzione delle tende danneggiate.

— Leggi anche: 3 milioni di migranti in arrivo entro la fine del 2016 

— Potrebbe interessarti anche: La vita nei campi profughi fotografata da bambini siriani 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Discutiamo! / Anticipazioni Uomini e Donne oggi, 1 dicembre 2021 | Trono Classico e Over
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Discutiamo! / Anticipazioni Uomini e Donne oggi, 1 dicembre 2021 | Trono Classico e Over
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti
Cronaca / La variante Omicron minaccia il Natale: la situazione in Italia e nel mondo
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
TV / Ascolti tv martedì 30 novembre: La stagione della caccia – C’era una volta Vigata, Il richiamo della foresta, Le Iene Show