Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Le foto che ritraggono la quiete dopo la guerra a Damasco

Immagine di copertina
Credit: Chris

La capitale della Siria ormai da tempo è toccata solo marginalmente dalla guerra civile. La vita ha ripreso a scorrere indisturbata, e un fotografo l'ha documentato

Un giovane fotografo norvegese che si fa chiamare Chris ha raccontato, sul suo blog Unusual Traveler, la sua recente esperienza di viaggio a Damasco, in Siria.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ad ottobre 2017, dopo esser riuscito a ottenere il visto, Chris ha prenotato il primo volo utile per Beirut, capitale del Libano, per poi varcare il confine con la Siria. Ha viaggiato nel paese per dieci giorni, visitando Damasco, Aleppo, Homs e la costa mediterranea prima di tornare a Beirut, per il volo di ritorno verso l’Europa.

Chris ha trascorso tre giorni a Damasco. Quella che ha visto era una città viva e dinamica, poiché la guerra civile in Siria si è ormai spostata da tempo su altri fronti. Mentre città come Homs e Aleppo sono ancora nel pieno dei bombardamenti e delle distruzioni causati dal conflitto, a Damasco la vita scorre indisturbata: coppie mano nella mano, negozi aperti e mercati pieni. Non ci sono tracce visibili della guerra, eccetto per alcuni soldati dal volto rilassato, seduti agli angoli delle strade.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Negli scatti di Chris si vedono strade affollate e negozianti felici di vedere i turisti ripopolare la città. L’unico chiaro segnale che faceva tornare alla mente la realtà della guerra era il suono dei missili anti-terroristici che colpivano Jobar, un distretto a pochi chilometri di distanza dalla Damasco vecchia. Se ne potevano sentire fino a venti al giorno, scrive Chris.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop 

Ti potrebbe interessare
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 20 maggio 2022
Lotterie / Estrazione Eurojackpot: i numeri vincenti estratti oggi, venerdì 20 maggio 2022
Ti potrebbe interessare
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 20 maggio 2022
Lotterie / Estrazione Eurojackpot: i numeri vincenti estratti oggi, venerdì 20 maggio 2022
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Sport / Giro d’Italia 2022, gioie e dolori per la Francia nella Granda
TV / The Band: le anticipazioni della finale in onda su Rai 1
TV / Chiedi chi era Giovanni Falcone: tutto quello che c’è da sapere sul documentario
TV / The Band streaming e diretta tv: dove vedere la finale