Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Quali sono le scuole più alternative del mondo

Immagine di copertina

Queste sono alcune delle scuole più insolite che i genitori possono scegliere per l'educazione dei propri figli

Danimarca, California, Olanda, Svezia, Australia e Stati Uniti: qui si trovano le scuole dotate delle strategie scolastiche più particolari di tutto il mondo.

Che l’istruzione scolastica sia importante per la crescita dei bambini è un dato di fatto. I genitori cercano sempre di trovare la scuola perfetta per i propri figli, pronti per imparare la storia, la geografia, la scienza e la matematica. Ma è possibile apprendere queste materie in modo alternativo?

La risposta è sì. Basta recarsi in una di queste scuole sparse per il mondo.

La School-Cube a Copenhagen in Danimarca, conta circa 1.100 studenti che seguono le lezioni in giganteschi cubi di vetro. L’open space è diviso in sezioni separate, dotate di confortevoli zone con posti a sedere. L’obiettivo è quello di stimolare la creatività e la flessibilità del pensiero.

Per i genitori più coraggiosi la scuola più adatta ai loro bambini è Brightworks a San Francisco, in California. Gli studenti si cimentano in lezioni un po’ pericolose, che prevedono giochi con il fuoco, montaggi di vari elettrodomestici e così via. I bambini imparano ad essere co-autori del loro apprendimento insieme ai loro insegnanti.

La scuola Egalia a Stoccolma, in Svezia, ha invece l’obiettivo di vincere gli stereotipi di genere per far crescere i bambini senza differenze. Il programma educativo si fonda sul principio di eguaglianza tra gli studenti, tanto che gli insegnanti evitano di utilizzare i pronomi “lui” o “lei”.

La particolarità della scuola Wharoonga in Australia invece non è tanto il suo coloratissimo design esteriore, ma l’individuale programma scolastico concesso a ogni ragazzo, e lievemente modificabile dagli insegnanti e dai genitori. Sono i desideri dei bambini ad essere ascoltati: gli studenti hanno il diritto di avanzare proposte per migliorare il processo educativo e renderlo più piacevole.

La Steve Jobs School, in Olanda, si oppone fortemente all’approccio impersonale con il quale gli studenti sono trattati allo stesso modo. Ogni studente ha infatti il proprio piano di apprendimento che tiene conto dei loro talenti, abilità e interessi. Il piano di studi viene valutato e opportunamente modificato ogni sei settimane dai bambini, dai genitori o dall’insegnante. La scuola è aperta ai bambini dai 4 ai 12 anni.

La scuola più verde del mondo si trova in Francia e si chiama Marcel Sembat High School. Sembra che ogni metro dell’edificio sia stato occupato da un prato, persino i tetti sono completamente coperti dall’erba. Lo scopo è quello di far stare i bambini all’aria aperta il più possibile. Quando fa molto caldo, le lezioni si svolgono direttamente sui prati.

Se è l’avventura e la dinamicità ciò che cercano, i bambini troveranno il loro mondo ideale in Rosanbosch di Stoccolma, in Svezia, dove potranno scalare montagne, esplorare caverne, e parlare con gli alberi grazie agli esperti designers. Per svolgere i loro compiti, i ragazzi hanno a disposizione un computer e possono seguire lezioni di musica, arte e danza.

Per gli studenti che vogliono evitare lo stress e la pressione, la Saunalahti School ad Espoo in Finlandia sembra fare al caso loro. Durante le lezioni, i ragazzi hanno la libertà di sedersi dove vogliono, chiacchierare con i propri compagni, saltare sulle sedie e persino stendersi sui divani, se troppo stanchi. L’atmosfera è positiva e rilassata. La scuola è dotata di una palestra, di una biblioteca, di un luogo di riunione e di un’associazione giovanile.

Nella scuola di Rhode Island, negli Stati Uniti, i bambini imparano fin dall’inizio ciò che gli piace fare. Per aiutare i teenagers a trovare e a perseguire le loro passioni, i mentori, che lavorano nei campi in cui i ragazzi sperano di entrare un giorno, cercano di aiutare i ragazzi, insegnandogli solo ciò che gli servirà in quel settore specifico. Il modello d’insegnamento chiamato Big Picture Learning è attualmente adottato da 55 scuole a livello nazionale.

In fine la Carpe Diem Innovative School in Ohio, negli Stati Uniti, è realizzata come se fosse un grande ufficio, in cui i bambini, divisi in circa 300 cellule, sono dotati di un computer e un programma di formazione individuale. Gli studenti, che vanno dai 3 a i 12 anni, lavorano da soli, ma se hanno domande possono rivolgersi ai loro istruttori.

Ti potrebbe interessare
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Cronaca / "Il cocktail misto rende più immuni"
Ti potrebbe interessare
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Cronaca / "Il cocktail misto rende più immuni"
Cronaca / Zona gialla, da oggi nuove riaperture: stop al limite per gli inviti a casa, via libera ai matrimoni
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Sport / Ungheria Portogallo streaming e diretta tv: dove vedere la partita degli Europei
Cronaca / Galli: “Secondo dose AstraZeneca forse non necessaria”
Lotterie / Estrazioni del Lotto, Superenalotto e 10eLotto oggi martedì 15 giugno 2021
Cronaca / Palermo: non gradisce il taglio di capelli del nipote e prende a sprangate il barbiere
Cronaca / “Vaghezza inaccettabile”: la rabbia dei medici di famiglia dopo l’ok di Aifa sul mix vaccinale