Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Zaporizhzhia, la centrale nucleare scollegata ancora una volta. L’Aiea: “Molto preoccupati”

Immagine di copertina
Credit: Dmytro Smolyenko/Ukrinform via ZUMA Wire

Zaporizhzhia, la centrale nucleare scollegata ancora una volta. L’Aiea: “Molto preoccupati”

La centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, è stata disconnessa nuovamente dalla rete elettrica ucraina. Lo hanno rivelato i funzionari dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) che si trovano sul sito dell’impianto, dopo gli attacchi che negli scorsi giorni avevano già costretto il sito a sospendere le forniture per la prima volta in quasi 40 anni di attività. La centrale situata a Enerhodar, catturata dalle forze russe a inizio marzo, viene ancora gestita da tecnici ucraini.

Nel pomeriggio le autorità filorusse di Enerhodar avevano annunciato che la fornitura di elettricità all’Ucraina proveniente dalla centrale era stata sospesa per complicanze tecniche. La disconnessione, già avvenuta il 25 agosto scorso, si è ripetuta “dopo nuovi bombardamenti nell’area”, secondo le informazioni fornite dalle autorità ucraine all’organismo delle Nazioni Unite. Tuttavia, ha precisato l’Aiea, il sito continua a funzionare “grazie a una linea di assistenza”.

Una situazione “estremamente complessa e difficile”, ha detto il direttore dell’Aiea, Rafael Grossi, che si è detto “molto preoccupato” per l’aumento delle operazioni militari nella zona dell’impianto.

Nelle scorse settimane i combattimenti tra forze ucraine e russe avevano spinto organizzazioni internazionali come l’Aiea a chiedere ripetutamente di cessare le ostilità. Il timore è che uno scollegamento possa aumentare il rischio di incidenti “catastrofici” per il mancato raffreddamento dei reattori e del combustibile nucleare, che richiede energia elettrica. Anche nel caso del 25 agosto, la compagnia ucraina Energoatom aveva garantito che durante la disconnessione la centrale aveva ricevuto energia da una vicina centrale elettrica, tramite una linea di backup.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini