Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La vita di Bart Simpson e Chris Griffin da adulti

Immagine di copertina

Un fumettista ha immaginato un futuro in cui i due, oggi cresciuti, devono affrontare i problemi psicologici derivanti da una vita al fianco delle rispettive famiglie

“I Simpson” e “I Griffin” sono due dei cartoni animati più
noti al mondo. Chiunque abbia seguito almeno un episodio delle loro avventure
conosce Bart Simpson e Chris Griffin, figli maschi delle rispettive famiglie.

Nella famiglia Simpson, Bart è il ragazzino iperattivo e
discolo che sembra provare un’irresistibile attrazione per gli scherzi, le
ragazzate e le conseguenti punizioni da parte degli insegnanti.

Certo, non c’è
troppo da stupirsi, considerando che suo padre Homer non è esattamente un
modello genitoriale ideale, spesso più interessato alla birra Duff e ai suoi
compagni di bevute che all’educazione del figlio.

Cose simili si potrebbero dire di Chris Griffin, adolescente
sovrappeso e non troppo sveglio che si ritrova spesso vittima delle iniziative
sconsiderate di suo padre Peter, anch’egli poco saggio e poco prodigo di
insegnamenti utili alla crescita di Chris.

Questi due personaggi di fantasia sono stati rivisitati da
un fumettista 25enne di Seattle, Panic Volkushka, laureando in psicologia. Unendo i suoi due grandi interessi, l’autore ha immaginato un futuro in cui i due, oggi cresciuti, si ritrovano ad affrontare
i problemi psicologici derivanti da una vita passata al fianco delle loro famiglie
poco ortodosse.

“I comportamenti che si imparano in famiglia costituiscono
una grande parte dei comportamenti che assumiamo per il resto della vita. Sono
stato vittima di bullismo quando ero alle scuole medie, e ho finito per andare
in terapia a soli 13 anni”, dice Volkushka.

Ecco perché, guardando la rappresentazione dei rapporti tra
genitori e figli in questi programmi televisivi, ha deciso di immaginare quali
sarebbero i risultati di queste relazioni nella vita reale, arrivando a ipotizzare
i due giovani protagonisti dallo psicologo, entrambi traumatizzati dalla loro
infanzia.

Nelle scene rappresentate, Bart si lamenta del fatto che suo padre era un alcolizzato
che, quando tornava a casa ubriaco e scopriva le sue marachelle a scuola,
cercava di strozzarlo. Chris invece ricorda di come suo padre se la prendesse
con sua sorella Meg, ridendo di lei e spingendola per le scale, e rimpiange il
fatto che ora lei sia andata via di casa e non abbiano più avuto contatti.