Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La protesta delle reginette a Miss Perù: le misure delle candidate sono i numeri dei femminicidi

Immagine di copertina

Le reginette che correvano per il titolo di Miss Perù 2018 hanno deciso di ricordare al pubblico le cifre poco incoraggianti sulla violenza contro le donne

È uno dei momenti più attesi nei concorsi di bellezza: le candidate si presentato al pubblico e alla giuria, pronunciano il loro nome, il loro paese di origine e poi elencano le loro misure.

Questa volta non è andata così, le reginette che correvano per il titolo di Miss Perù 2018, e che la sera del 31 ottobre erano in diretta televisiva, hanno deciso di ricordare al pubblico le cifre poco incoraggianti sulla violenza contro le donne piuttosto che elencare le cifre di seno vita e fianchi.

“Il mio nome è Camila Canicoba e rappresento il dipartimento di Lima. Le mie misure sono: 2.202 casi di femminicidi registrati negli ultimi nove anni nel mio paese”, dice al microfono una concorrente.

“Le mie misure sono: l’81 per cento degli aggressori delle piccole sotto i cinque anni sono vicini alla famiglia”, dice un’altra ricordando le violenze contro i minori.

“Il 65 per cento delle donne all’università vengono assalite dal loro partner”, annuncia ancora un’altra candidata.

La vincitrice del concorso di quest’anno è Romina Lozano e le sue misure sono: “3.114 donne vittime di tratta fino al 2014”.

Le autorità peruviane quest’anno hanno registrato più di 6mila casi di violenza sessuale. Sono 17 casi al giorno, di cui la metà sono stupri. La metà delle vittime sono minorenni. Secondo le cifre del governo, nel primo semestre del 2017, nel paese ci sono stati 59 femminicidi.

Oltre alle concorrenti, anche gli organizzatori hanno voluto unirsi al messaggio contro la violenza sulle donne. Durante la sfilata in costume da bagno, sono stati mostrati sugli schermi del palco ritagli di giornali relativi a casi di femmicidi e abusi contro le donne.

Il video della serata:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo