Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il video del primo ministro olandese che in Parlamento pulisce il caffè che gli è caduto per terra

Immagine di copertina

Il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, stava bevendo il caffè mentre entrava in Parlamento, quando il bicchiere gli si è rovesciato.

Il premier allora ha preso uno spazzolone dalle mani di un addetto alle pulizie per pulire il caffè caduto sul pavimento.

L’insolito gesto è stato filmato e condiviso su Twitter da un diplomatico dei Paesi Bassi.

Il personale delle pulizie del parlamento, stupito dal gesto ha iniziato ad applaudire e sorridere insieme al primo ministro. Il video:

Chi è Mark Rutte

Mark Rutte, che governa i Paesi Bassi dal 2010, è l’attuale premier che guida il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Vvd), il partito principale della coalizione liberale di centrodestra ed europeista al governo nei Paesi Bassi. Da giovane voleva diventare un pianista, ma finì poi con l’intraprendere la carriera politica.

Prima di diventare primo ministro aveva svolto altri incarichi governativi, dal 2002 al 2004 come segretario di Stato per gli Affari Sociali e l’Occupazione e dal 2004 al 2006 come segretario di Stato per l’Istruzione, la Cultura e la Scienza.

È “lijsttrekker”, cioè il leader del partito Vvd, dal 31 maggio 2006, quando venne eletto con il 51,5 per cento dei voti dei membri del partito.

Alle elezioni del 2010 il suo partito risultò essere il più votato, ottenendo 31 seggi parlamentari. Mark Rutte venne nominato primo ministro dopo svariati mesi, in seguito a lunghi colloqui e trattative con gli altri partiti politici, formando una coalizione con i cristiano democratici del partito Cda.

In parlamento ottenne l’appoggio del partito xenofobo e populista Pvv, guidato da Geert Wilders, in cambio di due leggi fondamentali: il divieto di burqa e normative per la restrizione dell’immigrazione.

Dopo lo scioglimento anticipato del governo e le nuove elezioni politiche che si tennero nel 2012, formò un nuovo governo, in coalizione con il partito del lavoro, il più grande partito laburista e di sinistra del paese.

Il partito Popolare per la Libertà e la Democrazia è un partito di stampo liberale conservatore, a vocazione europeista, molto distante dalle posizioni anti-establishment dell’avversario partito per la Libertà (Pvv), movimento xenofobo, antislamico ed euroscettico.

Rutte si oppone con forza all’idea di una “Nexit”, l’uscita dei Paesi Bassi dall’Ue, sulla scia della Brexit.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid
Esteri / “Senza pace non c’è calcio”: in Colombia la protesta contro il governo arriva fuori dagli stadi