Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cosa ha detto Meryl Streep ai Golden Globe 2017

Immagine di copertina

L'attrice 67enne ha tirato una severa stoccata al presidente eletto Donald Trump

Sta facendo il giro del mondo il discorso fatto dall’attrice Meryl Streep in occasione della cerimonia di assegnazione dei Golden Globe 2017. 

Una Streep quasi afona che riesce ugualmente a cogliere l’occasione per lanciare un messaggio potente.

“Hollywood è infestata da outsider e stranieri, e se li cacciamo tutti non ci resterà nulla da guardare se non il football e le arti marziali miste, che non sono davvero arti”, ha detto l’attrice 67enne dopo aver attirato l’attenzione sul fatto che molte star di Hollywood vengono da contesti tutt’altro che privilegiati o da paesi stranieri.

“Il lavoro di un attore è quello di entrare nelle vite delle persone che sono diverse da noi e far comprendere al pubblico quello che sentono”, continua Streep.

Poi lancia una stoccata al presidente eletto Donald Trump: “La persona che chiedeva di poter ottenere la posizione più importante nel nostro paese ha imitato un giornalista disabile … mi ha spezzato il cuore vederlo. Non riesco a togliermelo dalla testa perché non era un film, è successo nella vita reale. Quando questo istinto di umiliare si esprime attraverso qualcuno che occupa la scena pubblica, qualcuno di potente, filtra fino alla vita delle persone comuni e in qualche modo autorizza tutti a comportarsi allo stesso modo. La mancanza di rispetto incoraggia altra mancanza di rispetto, la violenza incoraggia altra violenza. Quando i potenti usano la loro posizione per prevaricare gli altri, perdiamo tutti. Abbiamo bisogno che la stampa, quella seria e di principio, chieda conto ai potenti di ogni oltraggio”.

Streep, a tratti commossa durante il suo accorato appello, ha invitato tutti a sostenere il Comitato per la protezione dei giornalisti sottolineando l’importanza della libertà di stampa per combattere gli abusi dei potenti.

(Qui sotto il video integrale del discorso di Meryl Streep. Credit: YouTube)

Questo invece il video del comizio di Trump, risalente al novembre 2015, a cui Streep faceva riferimento, quando il futuro presidente degli Stati Uniti era stato accusato di imitare e prendere in giro il giornalista del New York Times Serge Kovaleski, malato di artrogriposi:

 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo