Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il vice ambasciatore nordcoreano a Londra è fuggito in Corea del Sud

Immagine di copertina

É la diserzione di più alto rango tra i diplomatici di Pyongyang e potrebbe fornire informazioni importanti agli 007 ocidentali sul regime di Kim Jong-un

Il vice ambasciatore nordcoreano nel Regno Unito è fuggito a Seul, capitale della Corea del Sud, con la sua famiglia. Thae Yong Ho era scomparso dall’ambasciata di Pyongyang a Londra con la moglie e i figli i primi giorni di agosto. 

É la defezione di più alto rango tra i diplomatici della Corea del Nord, ha detto il portavoce del ministero dell’Unificazione della Corea del Sud Jeong Jon-Hee nel corso della conferenza stampa con cui Seul, mercoledì 17 agosto, ha annunciato che il fuggiasco, sua moglie e i figli sono “sotto la protezione del governo”.

Thae “era disgustato e stanco del regime di Kim Jong-un”, desiderava vivere in un sistema libero e democratico ed era preoccupato per il futuro dei suoi figli. Jeong ha sottolineato come la diserzione faccia luce sulla disillusione della classe dirigente nordcoreana e questo potrebbe indicare che il regime è “vicino al collasso”.

Le principali funzioni di Thae all’ambasciata di Londra, aperta 13 anni fa, erano di spiare e controllare i transfughi nordcoreani nel Regno Unito e rispondere alle critiche mosse in Gran Bretagna sulle violazioni dei diritti umani in Corea del Nord.

La defezione è di grande importanza per i servizi segreti occidentali: Thae, infatti, potrebbe essere a conoscenza di informazioni sensibili di primaria importanza sul blindato regime nordcoreano, in particolare sulla stabilità del potere di Kim Jong-un e sulla sorte dei funzionari sospettati di essere stati giustiziati.

Thae dovrà in tutti i casi, come qualsiasi nordcoreano che si rifugi a Seul, affrontare un lungo programma di interrogatori, affidati ai servizi di sicurezza, allo scopo di smascherare possibili spie.

Qualsiasi fuga dal regime di Pyongyang, inoltre, è estremamente pericolosa. Il regime, infatti, in genere punisce i disertori colpendone partenti e amici e spesso i servizi segreti continuano a cercare i “traditori” anche all’estero per vendicarsi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"