Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Venezuela: spari contro l’auto su cui viaggiava Juan Guaidò

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 15 Gen. 2020 alle 17:21 Aggiornato il 15 Gen. 2020 alle 17:37
12
Immagine di copertina

Venezuela, l’opposizione denuncia: spari contro auto Guaidò, nessun ferito

L’auto su cui viaggiava l’autoproclamato presidente del Venezuela Juan Guaidò (qui il suo profilo) è stata raggiunta da una serie di spari e da un lancio di pietre: lo denuncia l’opposizione venezuelana.

Secondo quanto affermato, il veicolo su cui viaggiavano Guaidò e alcuni parlamentari dell’opposizione è stato assaltato mentre tentava di raggiungere il Palazzo Federale Legislativo.

Subito dopo l’attacco, Guaidò ha ordinato l’evacuazione del mezzo.

Nel frattempo, altri gruppi armati hanno attaccato alcuni giornalisti, che viaggiavano in motocicletta, senza che gli agenti della polizia nazionale che si trovavano sul posto al momento dell’assalto intervenissero per calmare la situazione.

Guaidó è nel frattempo tornato al quartier generale del partito Azione Democratica. L’opposizione, invece, ha annunciato che la sessione dell’Assemblea Nazionale si terrà nell’anfiteatro El Hatillo, nell’omonimo comune del distretto di Caracas.

Il deputato Carlos Berrizbeitia ha raccontato i momenti drammatici in cui il convoglio è stato assaltato con le seguenti parole: “Hanno cercato di linciarci, non di fermarci. Dico a Diosdado Cabello (il presidente dell’Assemblea nazionale costituente chavista) che da questo non ci guadagna nulla, non ha alcun bisogno di agire in questo modo. Il mondo intero deve rendersi conto di questo attacco ai deputati con armi di fuoco”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Su Twitter, intanto, stanno circolando le impressionanti immagini che mostrano il momento in cui l’auto su cui viaggiava Guaidò così come le foto del convoglio semidistrutto dell’autoproclamato presidente del Venezuela.

Leggi anche:

Venezuela, un anno dopo il tentato golpe: nessuno ne parla più, ma oggi il paese vive il suo momento peggiore

12
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.