Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Venezuela ha annunciato il ritiro dall’Organizzazione degli stati americani

Immagine di copertina

Continuano le proteste contro Maduro nel paese. Con la morte di altre due persone sale a 28 il bilancio delle vittime delle manifestazioni

La ministra degli Esteri del Venezuela Delcy Rodriguez ha annunciato il ritiro del paese dall’Organizzazione degli Stati Americani (Osa), dopo la convocazione di un vertice dell’organismo regionale per discutere la crisi a Caracas.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“L’Osa ha insistito con le sue azioni intrusive contro la sovranità della nostra patria e dunque procederemo a ritirarci da questa organizzazione”, ha detto Rodriguez, aggiungendo che “la nostra dottrina storica è segnata dalla diplomazia bolivariana della pace, e questo non c’entra niente con l’Osa”.

“Domani, come ordinato dal presidente Nicolas Maduro, presenteremo una lettera di ritiro dall’Osa e inizieremo una procedura che richiederà 24 mesi”, ha detto ancora Rodriguez.

L’Osa aveva detto che il Venezuela rischiava la sospensione nel caso in cui non avesse tenuto elezioni generali “al più presto possibile”. Nella giornata del 26 aprile il Consiglio permanente dell’Osa ha discusso di un progetto di risoluzione per il Venezuela, attraverso il quale si decideva di convocare un vertice dei ministri degli Esteri per trattare la crisi. L’iniziativa è stata approvata con 19 voti a favore, 10 contrari, una astensione e un assente.

Intanto continuano le proteste nel paese contro il presidente Maduro e sale ancora il bilancio delle vittime in questo mese di manifestazioni. Altre due persone sono morte: sale così a 28 il numero delle vittime. 

Una delle due vittime è Christian Ochoa, un 22enne ferito da spari di arma da fuoco lunedì 24 aprile a Valencia, capitale dello stato di Carabobo. L’altra è Juan Pablo Pernalete, ventenne raggiunto in faccia da un lacrimogeno a Caracas il 26 aprile. 

L’opposizione aveva organizzato proprio per il 26 aprile una nuova marcia a Caracas verso la sede dell’ufficio dell’Ombudsman, ma si è vista bloccare il passaggio dalle unità antisommossa della polizia e della guardia nazionale. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: almeno 13 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggredisce una donna su un bus | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio