Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa: Trump si dice pronto a ricevere “aiuti” da parte di paesi stranieri per vincere le elezioni 2020

Immagine di copertina

Usa: Trump pronto a ricevere “aiuto” straniero per vincere le elezioni 2020 | Trump news

Usa Trump aiuto straniero elezioni – In un’intervista esclusiva all’emittente Abc News, il presidente Usa Donald Trump ha detto che sarebbe pronto ad accettare da un paese straniero un eventuale materiale compromettente sul suo avversario alle elezioni 2020.

Trump ha dichiarato che non si tratterebbe di un’azione illegale e che non sarebbe tenuto a chiamare l’Fbi.

“Non c’è nulla di sbagliato nell’ascoltare” ha affermato il presidente, sottolineando che, secondo lui, non si tratterebbe di un’interferenza di una potenza straniera nella corsa alla Casa Bianca.

Le parole di Trump, destinate a far discutere, arrivano proprio nel giorno in cui suo figlio, Donald jr., ha testimoniato davanti alla commissione Intelligence del Senato su un incontro, avvenuto a New York nel giugno 2016, con un avvocato russo, che avrebbe promesso del materiale compromettente su Hillary Clinton, sfidante di Trump alle elezioni presidenziali.

Secondo il capo dell’Fbi Christopher Wray, il figlio del presidente avrebbe dovuto denunciare l’offerta, ma il tycoon ha detto che Wray, che lui stesso ha nominato a capo dell’Fbi nel 2017, sbaglia.

Si riaccendono, dunque, le polemiche sul Russiagate, ovvero la questione delle possibili interferenze russe che vi sarebbero state alle elezioni statunitensi 2016 per far vincere Trump.

Solamente pochi giorni fa, precisamente lo scorso 30 maggio, il procuratore speciale Robert Mueller che ha indagato sul Russiagate per oltre un anno aveva dichiarato che non vi erano prove che dimostrassero il coinvolgimento di Trump nella vicenda, affermando, tuttavia, che “Se il presidente non avesse commesso crimini lo avremmo detto”.

Dichiarazioni che avevano visto pronta la risposta del presidente, il quale aveva affermato: “Robert Mueller è un mio nemico”.

Intanto, Joe Biden, il candidato favorito per la vittoria delle primarie del Partito Democratico e possibile sfidante di Trump nelle elezioni 2020, ha commentato le parole del presidente tramite Twitter.

“Donald Trump sta dando il benvenuto ancora una volta alle interferenze straniere nelle nostre elezioni. Non si tratta di politica. È una minaccia alla nostra sicurezza nazionale”.

Elezioni Usa: Trump crolla nei sondaggi. Biden avanti di 13 punti sul presidente

Migranti, Trump rivela per errore l’accordo con il Messico

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come