Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

Uccide la moglie con un rastrello: scoperto dalla polizia per le sue ricerche su Google

L'uomo aveva sostenuto che si era trattato di un incidente domestico

Di Rossella Melchionna
Pubblicato il 4 Mar. 2019 alle 07:47 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:31
0
Immagine di copertina

UOMO RASTRELLO GOOGLE – Aveva scoperto che la moglie lo tradiva e per questo motivo, prima di ammazzarla, aveva digitato su Google “Come uccidere una moglie infedele”. Todd Mullis, un uomo di 42 anni dello Iowa (Stati Uniti), è stato così incastrato dalla polizia, che lo ha arrestato per l’omicidio della consorte Amy.

Sposati per quasi 15 anni e con tre figli, il matrimonio tra i due non procedeva a gonfie vele. Una volta saputo dell’infedeltà della moglie, Mullis aveva deciso di agire con violenza. Da qui la la scelta di consultare il motore di ricerca e di toglierle la vita con un rastrello.

Subito dopo ha chiamato i soccorsi, ai quali ha detto che Amy era morta a causa di un incidente domestico. Ma le ferite presenti sul corpo della donna non erano compatibili con il racconto di Todd. Le autorità, allora, hanno avviato le indagini. L’amante stesso della moglie ha affermato che il legame tra la coppia era spesso violento.

A conclusione dell’inchiesta, Mullis è risultato colpevole dell’omicidio di primo grado. Dovrà ora affrontare il processo.

LEGGI ANCHE: Serena Mollicone, il padre a TPI: “Dissi tutto al capitano Soligo, ora indagato sul caso Cucchi, ma lui chiuse il caso”

LEGGI ANCHE: Femminicidi, in Italia una donna è uccisa ogni 72 ore: “La coppia è l’ambito più a rischio”

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.