Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una passeggiata a Tirana

Immagine di copertina

Il sindaco e pittore Edi Rama ha trasformato la città albanese in una galleria a cielo aperto. Adesso è il nuovo primo ministro

Anche i muri hanno dovuto schierarsi durante l’ultima campagna elettorale in Albania. Lungo le strade, scritte spray blu si alternano a imperativi rossi: vota Partito Democratico, vota Lega per l’Integrazione Socialista. Ha prevalso il colore viola del Partito Socialista di Edi Rama, nuovo primo ministro dal prossimo settembre.

“Grazie per aver colorato il paese”, ha dichiarato subito dopo l’ufficializzazione dei risultati lo scorso 28 giugno. Quanto ci tenga alle sfumature Rama l’ha già dimostrato nel 2000, anno della sua elezione a sindaco di Tirana. Pittore emigrato in Francia per passione, ha trattato l’urbanistica della capitale albanese come un quadro e, contando sull’appoggio economico dell’allora primo ministro, ha abbattuto gli insediamenti abusivi attorno al centro della città per poi dipingere i palazzi più alti e grigi con fantasie accese. “Voglio trasformare Tirana in una galleria d’arte a cielo aperto”, ha ripetuto in numerose interviste quello che nel 2004 è stato definito il miglior sindaco del mondo.

Tommy, studente di architettura all’università di Tirana, racconta che una volta ha consegnato il plastico di un edificio fuori norma come progetto di un esame. “Perché fare finta di rispettare le regole, se non esiste un Piano Regolatore?”, spiega retoricamente. “Tirana è stata fascista, socialista e, dopo la fine della dittatura, anarchica. Solo un pittore poteva avere il coraggio di cambiare le cose”, aggiunge. Rama ha governato ininterrottamente dal 2000 al 2011, mancando il terzo rinnovo del mandato per una manciata di schede; alcuni parlano di frode, altri dicono che abbia perso per colpa di una serie di foto, pubblicate pochi giorni prima delle elezioni, dove appare senza veli su una spiaggia francese.

I suoi avversari non hanno mancato di accusarlo di corruzione, eppure “solo lui può garantire la trasparenza delle istituzioni”, secondo il biologo dell’Università di Tirana Spase Shumka. Per molti elettori, votare ha significato finora accedere o meno a un posto da dipendente pubblico; la composizione degli uffici ha in questo modo seguito l’alternanza dei partiti al potere, rallentando la realizzazione di qualsiasi riforma. Il futuro primo ministro ha promesso che, d’ora in poi, la meritocrazia determinerà la struttura delle amministrazioni.

“Mia mamma era amica di Berisha, l’ex primo ministro, ma ora che lavoro per i tedeschi non mi interesso più di politica” confessa Dušan, bracciante in un progetto di cooperazione nella regione nord-est dell’Albania. Le sue parole e la sua storia sembrano dimostrare, da un lato, come il voto di scambio sia una prassi nazionale, più che un tabù; dall’altro, spingono a chiedersi se la popolarità di Edi Rama non dipenda dal titolo di studio degli elettori.

Negli ultimi dieci anni, la percentuale di iscritti all’Università è passata dal 15 al 44 per cento, con punte del 50 per cento tra le donne. 

“Non lo conosco, come faccio ad avere un’opinione su di lui?”, sogghigna Susan, proprietaria di un bar per camionisti a Tirana. L’ex sindaco della sua città e nuovo primo ministro ammicca appiccicato a una parete, dentro una locandina dallo sfavillante sfondo viola.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli