Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Ucraina ha sospeso i rapporti commerciali con le repubbliche separatiste del Donbass

Immagine di copertina

La decisione di interrompere il flusso di beni è soprattutto volta a colpire l’economia dell’area occupata dai filo-russi

Continua lo scontro tra Ucraina e combattenti filo-russi. Il governo ucraino ha infatti sospeso i rapporti commerciali con le autoproclamate repubbliche filo-russe del Donbass. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La decisione di interrompere il flusso di beni è soprattutto volta a colpire l’economia dell’area occupata dai separatisti.

I beni esclusi da questo provvedimento rimangono quelli forniti dalla Croce Rossa, i quali potranno continuare a oltrepassare il confine per fornire aiuti umanitari ai cittadini che si trovano nella zona orientale del paese.

Il governo ucraino, si era finora schierato contro qualsiasi blocco commerciale nei confronti dei territori occupati, dato che provvedimenti di questo genere avrebbero solo inflitto danni economici al paese stesso.

È però proprio il presidente ucraino, Petro Poroschenko, ad aver annunciato il cambio di rotta del governo.

Poroschenko, ha infatti dichiarato che questa nuova misura rimarrà in vigore finché i secessionisti non avranno restituito all’Ucraina le industrie specializzate in carbone da loro occupate.

Questa posizione si avvicina di più all’opinione dei nazionalisti ucraini, i quali chiedono da tempo al governo di intraprendere una strada più dura nei confronti dei combattenti filo-russi.

Nel frattempo, il Cremlino ha condannato queste misure adottate dal governo ucraino, avvertendo che si potrebbe andare incontro a una “catastrofe umanitaria”. 

Il conflitto commerciale tra Kiev e i ribelli iniziò alla fine di gennaio, quando alcuni nazionalisti ucraini bloccarono delle linee ferroviarie utili per il trasporto di carbone provenienti dall’est del paese.

Questo congelamento delle relazioni commerciali tra le due parti, non solo infligge un colpo particolarmente duro all’economia ucraina, ma allontana anche l’idea di una risoluzione pacifica.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi