Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Australia, figlia decapita la madre e chiama la polizia: “Ho la sua testa tra le mani”

Di Marco Nepi
Pubblicato il 19 Feb. 2021 alle 12:50 Aggiornato il 19 Feb. 2021 alle 15:29
229
Immagine di copertina
Jessica Camilleri e la madre Rita. Credits: Facebook

Uccide la madre e poi chiama la polizia: “Ho la sua testa tra le mani”

La 27enne Jessica Camilleri ha tagliato la testa della madre Rita con un coltello dopo un’accesa lite. E dopo aver reciso il capo della donna la giovane ha gettato i resti del corpo su un sentiero fuori dalla loro abitazione a Sydney, in Australia. Dopo l’orribile gesto la 27enne ha chiamato la polizia per confessare l’omicidio.

Jessica Camilleri ha raccontato agli agenti che tra lei e la madre i rapporti erano tesi da tempo. Il giorno del brutale delitto la donna avrebbe preso per i capelli la figlia fino a trascinarla dalla sua stanza alla cucina dove ha poi afferrato un coltello con il quale avrebbe voluto colpirla. “Ho pensato che stesse per pugnalarmi, quindi l’ho pugnalata alla schiena“, ha raccontato Jessica Camilleri in tribunale secondo quanto riporta il Sun. “Ed ero così accesa dalla rabbia, ho continuato a pugnalarla e le ho tolto la testa”.

Secondo quanto racconta la sorella, Jessica Camilleri soffriva di disturbi mentali. Dopo l’omicidio, con la testa della madre in mano, la 27enne si è recata dai vicini per mostrare la prova dell’accaduto e poi gettarla in strada. I drammatici fatti risalgono al luglio 2019 ma in questi giorni si sta tenendo il processo a carico della figlia. Uno psichiatra ha spiegato che le azioni orribili di Jessica Camilleri erano ispirate da film violenti di cui la ragazza pare fosse “ossessionata“.

Leggi anche: Usa: i genitori minacciano di smettere di mantenerlo, lui li uccide e poi cucina la testa della madre

229
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.