Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un professore turco sostiene di avere le prove che Noè abbia comunicato col figlio tramite cellulare

Immagine di copertina

In Turchia, il professore universitario Yavuz Ornek ha detto pubblicamente che secondo lui il patriarca biblico Noè ha contattato il proprio figlio usando il telefono cellulare poco prima del diluvio universale, dichiarando anche di avere le prove per dimostrare tale affermazione.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’uomo, che insegna Scienze marine presso l’Università di Istanbul, ha parlato di questa sua teoria anche sull’emittente televisiva di stato turca TRT1.

Il patriarca Noè compare sia nell’Antico Testamento che nel Corano, ed è quindi una figura importante per cristiani, ebrei e musulmani. È noto per essere colui che costruì una grande arca con cui mise in salvo la sua famiglia e tutte le specie animali dal grande diluvio universale.

“C’erano enormi onde alte da 300 a 400 metri e suo figlio era a molti chilometri di distanza. Il Corano dice che Noè ha parlato con suo figlio. Ma come hanno fatto a comunicare? Era un miracolo? Potrebbe essere. Ma crediamo che abbia comunicato con suo figlio via cellulare”, ha detto Örnek.

Ha anche affermato che Noè abbia costruito la sua arca fatta di piastre di acciaio e che la nave usasse l’energia nucleare.

In seguito all’apparizione televisiva di Ornek, l’Università gli ha chiesto di smettere di promuovere la sua teoria relativa a Noè, dicendogli di continuare a cercare di dimostrare le sue affermazioni quando la situazione si sarà calmata.

Il professore ha riferito che in televisione non ha avuto sufficiente tempo per dimostrare le proprie affermazioni.

“Durante lo show mi hanno fatto arrabbiare. Avrei potuto spiegare in maniera corretta questa affermazione, ma quando ho usato la parola ‘cellulare’, tutti hanno iniziato a parlarmi contro. Se mi avessero lasciato parlare da solo, avrei potuto dimostrare la teoria”, ha riferito Ornek, in una dichiarazione riportata dal sito turco Hurriyet Daily News.

Il professore ha inoltre riferito di aver ottenuto un notevole sostegno dai telespettatori dopo aver illustrato la sua teoria.

“Ho detto la verità ma mi sono vergognato di comparire in tv come ospite di uno show. Nonostante questo, ho ottenuto un sostegno significativo e mi è stato anche offerto di tradurre il mio libro in inglese”, ha inoltre dichiarato il professore.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Medvedev interviene nella campagna elettorale: "Punite i vostri governi"
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Ti potrebbe interessare
Esteri / Medvedev interviene nella campagna elettorale: "Punite i vostri governi"
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera