Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia continua a bombardare l’Isis e il Pkk

Immagine di copertina

Per il terzo giorno consecutivo, il governo turco ha condotto raid aerei contro basi dell'Isis in Siria e postazioni del Partito dei lavoratori del Kurdistan in Iraq

La Turchia ha condotto diversi attacchi aerei contro alcune basi dello Stato islamico in Siria e postazioni del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) nel nord dell’Iraq.

I raid del governo turco sono cominciati tre giorni fa in quella che secondo molti analisti è una svolta importante nella politica estera turca. Per la prima volta, infatti, la Turchia ha attaccato l’Isis al di fuori dei propri confini nazionali.

La decisione di intervenire contro l’Isis e il Pkk è stata presa in seguito all’attentato di Suruç, in Turchia, con cui un ragazzo turco affiliato all’Isis ha compiuto un attacco suicida causando la morte di almeno 32 persone, e dopo l’uccisione di due poliziotti turchi rivendicata dal Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk).

Tra l’altro, erano quattro anni che il governo turco non prendeva di mira il Pkk. Finora, secondo quanto dichiarato dal premier Ahmet Davutoglu, sarebbero stati fermati almeno 590 combattenti tra miliziani dell’Isis e membri del Pkk.

Il primo ministro Davutoglu ha riferito che la Turchia non ha intenzione di inviare truppe via terra in Siria per il momento, limitando la propria offensiva ai soli bombardamenti aerei.

Il quotidiano turco Hurriyet Daily News riporta una citazione del primo ministro Davutoglu, secondo cui questi recenti bombardamenti ai danni dello Stato islamico e del Pkk potrebbero “cambiare le regole del gioco in questa regione”.

In seguito a una richiesta arrivata da parte del governo turco, la Nato ha organizzato una riunione d’emergenza prevista per martedì 28 luglio, durante la quale verrà discusso l’intervento turco.

Nel corso della settimana precedente, in Turchia ci sono state diverse proteste contro il governo turco, accusato di non aver fatto abbastanza per fermare l’avanzata dell’Isis alla frontiera con la Siria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass