Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Muro col Messico, Trump pronto a dichiarare emergenza nazionale e usare i soldi delle zone colpite dagli uragani

Immagine di copertina
Trump al confine tra Messico e Stati Uniti. Credit: Jim Watson/Afp

Trump avrebbe intenzione di dichiarare l’emergenza nazionale, per bypassare l’opposizione del Congresso, e ottenere così i soldi necessari alla costruzione del muro al confine tra Messico e Stati Uniti.

La questione sta creando enorme scompiglio negli Stati Uniti. Due giorni fa il presidente Donal Trump aveva lanciato un accorato appello alla nazione, e al Congresso, per trovare i 5,7 miliardi di dollari necessari per la barriera, fondamentale per arginare “criminali, gang, trafficanti di esseri umani”.

Trump da 20 giorni si sta rifiutando di firmare la legge di bilancio se questa non conterrà i finanziamenti per il muro al confine meridionale. L’Amministrazione degli Stati Uniti da oltre 2 settimane è paralizzata a causa di quello che viene definito Shutdown, il blocco delle attività amministrative negli Stati Uniti.

Trump potrebbe decidere di dirottare i fondi che erano stati stanziati per gli aiuti al Texas e a Porto Rico colpiti dai recenti uragani.

Se il presidente dichiarasse l’emergenza nazionale, potrebbe autonomamente riallocare risorse del governo senza chiedere l’approvazione del Congresso, come stabilisce il National Emergency Act del 1976.

Come spiega il Brennan Center for Justice, se Trump decidesse di dichiarare l’emergenza nazionale dovrebbe spiegare di quali speciali poteri intende avvalersi.

Trump parla di emergenza nazionale dell’immigrazione, ma i dati vanno in un’altra direzione: il 2018 è stato l’anno con il minor numero di ingressi dal confine messicano negli ultimi anni.

I democratici si sono subito scagliati contro l’ipotesi, dicendo che non è legale dichiarare l’emergenza nazionale per finanziare la costruzione del muro. Trump, per avvalersi del potere straordinario, deve dimostrare che c’è effettivamente una crisi alla frontiera.

Anche alcuni repubblicani si sono detti contro l’ipotesi di dichiarare l’emergenza nazionale per trovare i fondi per il muro. Con una risoluzione il Congresso potrebbe bloccare la dichiarazione dell’emergenza nazionale del presidente.

Come riferisce il quotidiano la Repubblica, ci sono attualmente 30 emergenze nazionali ancora in atto negli Stati Uniti. Tra cui quella risalente al 2001 dopo gli attentati delle Torri Gemelle o quella del 2009 per la febbre suina.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi