Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump ha annunciato nuovi dazi contro la Cina per 500 miliardi di dollari

Immagine di copertina
Xi Jinping e Donald Trump, presidenti di Cina e Usa. Credit: AFP PHOTO / NICOLAS ASFOURI

Misure per 34 miliardi sono già entrate in vigore, Pechino ha risposto e il presidente americano ha fatto sapere che la guerra commercial si intensificherà

Venerdì 6 luglio 2018 sono entrati in vigore i dazi sulla merci cinesi decisi dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Le misure prevedono tariffe del 25 per cento su diversi prodotti importati dal paese asiatico, per un valore complessivo di 34 miliardi di dollari.

Ma da Washington sono in arrivo nelle prossime settimane nuovi dazi contro la Cina che potrebbero toccare complessivamente i 500 miliardi di dollari.

Trump ha spiegato che a questa cifra si potrebbe arrivare nel caso in cui Pechino dovesse reagire al provvedimento americano.

Il governo cinese ha puntualmente replicato con tariffe di rappresaglia sui prodotti made in Usa.

Il piano statunitense è stato definito dal ministero del Commercio cinese l’inizio della “più grande guerra commerciale della storia economica”.

“Prima 34 miliardi, e poi ne avrete altri 16 in due settimane e poi, come sapete, abbiamo 200 miliardi in sospeso e poi dopo i 200 miliardi ne abbiamo altri 300. Ok? Quindi abbiamo 50 più 200 più quasi 300”, ha dichiarato Trump a bordo dell’Air Force One, in viaggio verso il Montana.

I dazi per 34 miliardi, annunciati nelle scorse settimane, sono in vigore dalle ore 12 del 6 luglio ora locale di Pechino (le 6 del mattino in Italia).

Le misure colpiscono macchinari, apparecchiature elettroniche e hi-tech, compresi computer, hard-disc e Led, ma anche il settore automobilistico.

L’amministrazione doganale cinese, da parte sua, ha lanciato misure protezionistiche su oltre 800 prodotti americani, che provengono soprattutto dai settori agro-alimentari e automobilistico, per un valore complessivo di 34 miliardi di dollari, lo stesso valore, per ora, delle merci cinesi colpite dai dazi Usa.

La contromisura è attiva da mezzogiorno di oggi, venerdì 6 luglio, lo stesso orario in cui sono entrati i vigore i dazi Usa.

Il ministro degli Esteri, Wang Yi, ha definito “un comportamento miope” la mossa degli Stati che “va contro le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio e il sistema multilaterale del commercio”.

Avviare una guerra commerciale “non è mai una soluzione” e la Cina “non ne innescherà mai una”, ha sottolineato il primo ministro cinese, Li Keqiang.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”