Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump ha approvato dazi contro la Cina per 50 miliardi di dollari

Immagine di copertina
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Credit: Afp

Nel mirino degli Usa circa 800 prodotti, Pechino ha avvertito che è pronta a rispondere a sua volta con un pacchetto di tariffe sulle merci provenienti dagli Stati Uniti

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha approvato giovedì 14 giugno 2018 il piano per l’imposizione di dazi per 50 miliardi di dollari su una lunga lista di prodotti importati dalla Cina.

Pechino ha avvertito che è pronta a rispondere a sua volta con un pacchetto di tariffe sulle merci provenienti dagli Usa.

Lo riporta il sito statunitense Bloomberg.

Il ministro del Tesoro statunitense, Steven Mnuchin si sarebbe detto contrario.

Inoltre, la decisione di Trump potrebbe complicare il processo di distensione con la Corea del Nord, facendo venir meno il sostegno cinese.

Ma il presidente americano, secondo alcuni funzionari del governo di Washington, non ritiene questo fattore sufficiente a farlo retrocedere, soprattutto dopo il proficuo vertice con il leader nordcoreano Kim Jong-un, che ha aperto un canale diretto fra Usa e Pyongyang.

I prodotti cinesi che saranno oggetto della misura dovrebbero essere circa 800, con un sensibile calo dunque rispetto alla lista di 1.300 merci che era stata presentata nelle scorse settimane.

Il provvedimento di Trump mira a rispondere alla “aggressione economica” da parte della Cina, perpetrata, secondo la Casa Bianca, attraverso il furto e il trasferimento di segreti tecnologici e tutelati dalla proprietà intellettuale nei confronti delle aziende americane.

Funzionari degli Usa hanno dichiarato di avere le prove che Pechino ha chiesto ad alcune statunitensi di creare partnership locali per entrare nel mercato cinese, come un modo per fare loro pressioni nel trasferimento tecnologico.

Le tariffe potrebbero essere applicate in più fasi.

Trump, nella sua conferenza stampa a Singapore dopo il vertice con il leader nordcoreano Kim, ha detto che gli Stati Uniti hanno “un enorme deficit negli scambi con la Cina”.

“Dobbiamo fare qualcosa al riguardo”, ha sottolineato. “Non possiamo continuare a permettere che ciò accada”. Il deficit commerciale degli Usa con Pechino è stato di 336 miliardi di dollari nel 2017.

A partire da giugno la Casa Bianca ha introdotto nuovi dazi su alluminio e acciaio nei confronti dei paesi dell’Unione europea e di Canada e Messico.

Il Fondo Monetario Internazionale ha messo in guardia che questa politica commerciale potrebbe minare la crescita globale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio