Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Tre navi missilistiche russe raggiungeranno il Mediterraneo

Le corvette si uniranno alla task force per contrastare il sedicente Stato islamico, secondo quanto riferito dal portavoce della marina russa

Di TPI
Pubblicato il 6 Ott. 2016 alle 12:49 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:08
0
Immagine di copertina

Tre navi missilistiche russe sono partite dalla base della marina nel Mar Nero di Sebastopoli tra mercoledì 5 e giovedì 6 ottobre 2016 per raggiungere la flotta navale permanente della Russia nel Mediterraneo, dove potranno prendere parte all’operazione militare contro il sedicente Stato islamico.

La notizia della partenza di due corvette è stata diffusa mercoledì dalle agenzie di stampa russe. “Si prevede che la Serpukhov e la Zeleny Dol andranno nel Mediterraneo, come parte di una rotazione programmata, unendosi alla task force navale permanente,” ha detto il portavoce della marina russa Nikolay Voskresensky.

La terza nave, partita giovedì è la Mirazh, armata con missili Malakhit a medio raggio, mentre le altre due navi sono equipaggiate con missili a lungo raggio.

Lo spostamento delle tre corvette si colloca in un clima sempre più teso tra Washington e Mosca dopo la rottura dei rapporti bilaterali sul processo di pace in Siria.

Avviene inoltre nei giorni immediatamente successivi al trasferimento nella base siriana di Tartus di un sistema di difesa missilistica S-300, il 4 ottobre scorso.

In quell’occasione, il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov ha detto che lo scopo del trasferimento è quello di “garantire la sicurezza della base rispetto a minacce aeree” e che si tratta di un “sistema puramente difensivo”.

Il Cremlino ha inoltre deciso di fare un ulteriore passo nella direzione dello smantellamento della cooperazione con Washington in materia di energia nucleare.

Mosca ha sospeso un accordo sulla ricerca e interrotto un secondo accordo sulla conversione dell’uranio. Pochi giorni fa aveva sospeso un accordo sullo smaltimento del plutonio, proprio in risposta a quelli che percepisce come atti ostili degli Stati Uniti in merito alle crisi in Ucraina e Russia.

Intanto, il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault, apertamente e aspramente critico nei confronti della politica del Cremlino in Siria, incontrerà oggi il suo omologo russo Sergei Lavrov a Mosca.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.