Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una traduttrice dell’Fbi è scappata in Siria per sposare un reclutatore dell’Isis

Immagine di copertina

La vicenda è avvenuta nel 2014, ma è stata resa nota solo lunedì 1 maggio 2017. La donna era stata assegnata a un'indagine riguardante l'uomo che ha poi sposato

L’Fbi ha confermato che una delle sue traduttrici è andata in Siria per sposare segretamente un reclutatore del sedicente Stato Islamico su cui stava indagando.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’agenzia statunitense “ha intrapreso diverse azioni per ridurre le vulnerabilità per la sicurezza” dopo quanto avvenuto, secondo quanto riporta l’emittente Bbc News.

Daniela Greene avrebbe mentito al suo datore di lavoro per una vicenda riguardante un viaggio del 2014. La donna 38enne è poi tornata negli Stati Uniti e la sua storia è rimasta segreta fino a lunedì 1 maggio 2017.

L’uomo che ha sposato l’ex traduttrice è Denis Cuspert, un rapper convertito all’Isis. In un video di propaganda il rapper, conosciuto anche con gli pseudonimi Deso Dogg e Abu Talha al-Almani, mostrava una testa umana appena decapitata.

Secondo l’emittente Cnn, Green fu assegnata all’indagine su Cuspert nel gennaio 2014, decidendo poi di sposarlo sei mesi dopo, arrivando fino in Siria per il matrimonio.

La donna, di origine ceca, ha raccontato ai suoi superiori di aver organizzato un viaggio in Germania per far visita ai suoi genitori. Invece si è recata in Turchia dove ha attraversato il confine con la Siria, grazie anche all’aiuto dei miliziani dell’Isis della zona.

Greene era ancora sposata con un uomo statunitense in quel periodo. Poco dopo il suo arrivo in Siria avvenuto nel giugno del 2014, la donne avrebbe sposato Cuspert.

La 38enne ci avrebbe però ripensato presto. “Ho fatto davvero un casino”, ha scritto a una persona negli Stati Uniti. “Ora non posso tornare indietro, mi trovo in un ambiente duro e non sono quanto durerò qui, ma non importa, ormai è tardi”, ha aggiunto.

Un mese dopo l’arrivo in Siria la donna avrebbe lasciato il paese per tornare negli Stati Uniti.  

Greene si è dichiarata colpevole di aver rilasciato dichiarazioni false riguardanti il terrorismo internazionale nel dicembre 2014. Dopo due anni di prigione è stata rilasciata nell’estate del 2016. Ora lavora come hostess in un hotel di una località di cui non è stata fornita alcuna informazione.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari