Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tiffany e il distributore automatico di gioielli nello store di Londra

Immagine di copertina
credit: Getty Images

La nuova trovata del marchio di gioielli più famoso al mondo: è possibile acquistare gli iconici prodotti direttamente da un distributore

Tiffany & Co. ha appena introdotto una novità pazzesca per acquistare i suoi iconici prodotti: un distributore automatico. Situato nel punto vendita di Londra, aperto da poco, l’ultima innovazione commerciale di Tiffany & Co. consente ai visitatori di acquistare la nuova fragranza Tiffany & Co. da un distributore automatico blu Tiffany.

Il Tiffany Style Studio, lanciato all’inizio di questo mese a Covent Garden di Londra, è stato progettato per essere uno spazio retail innovativo che offre un’esperienza di shopping unica.

“Abbiamo integrato display divertenti che riflettono l’umorismo del design di Tiffany per creare una esperienza unica nel suo genere”, ha dichiarato Richard Moore, vicepresidente, direttore creativo di store design e visual visual merchandising creativo di Tiffany & Co, secondo Harper’s Bazaar UK.

Come si legge su Elle, il negozio di Londra ha delle casse di legno dipinte con l’ormai celeberrimo Blue Tiffany. Nelle teche di legno vengono esposti i prodotti della serie “Everyday Object” (gli oggetti di ogni giorno) del marchio.

Nel negozio si trova anche un bancone in cui è possibile personalizzare i prodotti: #MakeItTiffany consente, infatti, agli acquirenti l’opzione di incidere simboli o monogrammi su determinati prodotti. E il dettaglio non trascurabile è che non devi aspettare per poter avere il tuo oggetto personalizzato subito.

L’unico altro punto in cui è possibile personalizzare sul momento i prodotti Tiffany è al Rockefeller Center di New York.

Il distributore automatico segna l’ultima novità del marchio storico. All’inizio di quest’anno, Tiffany & Co. ha stupito e impressionato passanti e pendolari dipingendo le stazioni della metropolitana di New York e i taxi del loro inconfondibile blu. L’occasione Insta-worthy è stata creata per celebrare il lancio della nuova collezione di gioielli di Tiffany, Paper Flowers.

E l’anno scorso, Tiffany ha aperto il primo locale di Tiffany a New York: il Tiffany Blue Box Café. I fan di Tiffany possono ora fermarsi e mangiare nella caffetteria, aperta tutto il giorno. Ovviamente tutta in blu Tiffany. Insomma, sarà possibile davvero fare colazione da Tiffany.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Ti potrebbe interessare
Esteri / Orbán presto in Russia per vedere Putin: chiederà più gas verso l’Ungheria
Esteri / Honduras, Xiomara Castro è la prima presidente donna del paese
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro