Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Svezia, donna nera incinta trascinata con violenza fuori dai vagoni della metro: indagati due agenti

Un passante ha ripreso due controllori mentre trascinano una donna originaria della Repubblica del Congo in stato di gravidanza fiori dai vagoni della metropolitana di Stoccolma. Sono accusati di "cattiva condotta" e "aggressione"

Di Redazione TPI
Pubblicato il 4 Feb. 2019 alle 13:57 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:17
0
Immagine di copertina

È stata trascinata con violenza fuori da un vagone della metropolitana, obbligata a sedersi su una panchina e portata verso l’uscita. Prima di essere allontanata con la forza, gli agenti della sicurezza hanno schiacciato la donna, in stato di gravidanza, con l’addome verso terra, senza preoccuparsi delle sue condizioni fisiche. È successo lo scorso 31 gennaio a Stoccolma, in Svezia, nella stazione della metro di Hötorget. A riprendere la scena un passante, che ha diffuso il video su Internet e sui social.

Visualizza questo post su Instagram

Tomorrow all the witnesses that came forth with their evidence will be making their own reports. . . In these two videos you can see the victim dragged out of the train, her child taken from her and whilst she attempts to stand up she is held down. The full video is over 5 minutes long and I will try and edit and put it up tonight or tomorrow. . . After everything the Swedish public was shown in the recent @kallafaktatv4 documentary about how aftiswedes are racially profiled and mistreated this shouldn’t surprise anyone even if the victim is pregnant. The victim is currently in the hospital and all I can do is hope the baby is alright because if anything happens to that child. There will be hell to pay.

Un post condiviso da ᒪOᐯETTE ᒍᗩᒪᒪOᗯ (@action4humanity_se) in data:

Le immagini hanno causato un’indignazione generale nei confronti dei due agenti, che sono ora indagati. Secondo quanto riportato dalla radio pubblica svedese Sr, l’ipotesi di reato nei confronti dei poliziotti è quella di “cattiva condotta” e “aggressione”. Inoltre, le due guardie sono in attesa di una terza inchiesta da parte dell’azienda della metropolitana Sl.

“Ci sono molti video pubblicati che mostrano che le guardie di sicurezza hanno agito con troppa forza”, ha affermato il responsabile della comunicazione del trasporto pubblico di Stoccolma, Henrik Palmèr, all’emittente statale. “Sfortunatamente, può essere difficile esprimere giudizi ragionevoli in queste situazioni. Evidentemente, sembra che questo incidente non sia stato gestito correttamente dall’inizio alla fine”, ha aggiunto Palmèr. L’azienda ha dichiarato che la signora – che viaggiava insieme alla figlia, potrebbe essere indagata per “resistenza violenta” –  era stata fermata perché non aveva il biglietto.

La donna è originaria della Repubblica democratica del Congo e ha raccontato che si stava recando in ospedale perché stava avendo le contrazioni. Ha raccontato che al momento dell’arrivo dei controllori aveva con sé la tessera della metro ma non era riuscita a trovarla. “Mi hanno preso per il braccio molto forte, mi hanno costretta a uscire, mi hanno messo sulla panchina, con lo pancia in basso. Uno di loro mi ha messo il ginocchio sulla schiena e non riuscivo più a respirare. Avevo paura che il mio bambino stesse per morire”, ha raccontato. È stata poi portata all’ospedale di Huddinge per essere curata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.