Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La suprema corte egiziana conferma dieci condanne a morte per le violenze allo stadio di Port Said

Immagine di copertina

Negli scontri avvenuti a febbraio 2010 durante una partita di calcio morirono 73 tifosi. I Fratelli musulmani accusarono i sostenitori del deposto rais Hosni Mubarak

La Corte superiore egiziana ha confermato il 20 febbraio le condanne a morte per dieci uomini accusati di aver preso parte agli scontri avvenuti l’1 febbraio 2010, nello stadio di Port Said, nel nord est del paese.

Le violenze scoppiarono mentre era in corso la partita di calcio tra la squadra locale e una dei club più quotati del campionato egiziano, l’Al-Masry, per poi degenerare alla fine del match in una maxi rissa durante un’invasione di campo.

Negli scontri morirono 73 tifosi, 47 le persone arrestate dalla polizia. Il governo del Cairo definì la vicenda come “il peggior disastro della storia del calcio egiziano”. Vista la lunga storia di ostilità tra le tifoserie delle due squadre, sfociata più volte in violenti scontri, tutti i media del paese parlarono di “guerra pianificata”, ma alcuni partiti imputarono i fatti di Port Said al movente politico. In particolare, i Fratelli musulmani puntarono il dito contro i sostenitori del deposto presidente Hosni Mubarak.

Le indagini chiarirono che la maggior parte delle vittime furono schiacciate dalle migliaia di persone in fuga dalla struttura. Altre furono scaraventate dalle tribune dello stadio.

L’altra Corte egiziana ha anche confermato la condanna di altre 39 persone, con pene comprese tra i 15 e gli cinque anni di carcere. 

Tre anni dopo, l’8 febbraio del 2015, violentissimi scontri si verificarono al Cairo tra gli ultrà del club Zamalek e le forze di polizia, nei pressi dello stadio principale della capitale egiziana. Il bilancio fu di 22 morti e decine di feriti.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, la Corte suprema cancella la sentenza sul diritto all’aborto
Esteri / Chiusa l’inchiesta Onu sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh: “Uccisa dalle forze israeliane”
Esteri / Usa, sentenza shock: la Corte suprema elimina altre restrizioni sul porto di pistole e fucili
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, la Corte suprema cancella la sentenza sul diritto all’aborto
Esteri / Chiusa l’inchiesta Onu sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh: “Uccisa dalle forze israeliane”
Esteri / Usa, sentenza shock: la Corte suprema elimina altre restrizioni sul porto di pistole e fucili
Esteri / ESCLUSIVO – Parla il dissidente turco Osman Kavala: “Erdogan e Putin sono simili, ma l’Ue non sbagli con il Sultano”
Cronaca / Malta, subisce un aborto spontaneo ma i medici si rifiutano di operarla: turista americana rischia la vita
Esteri / Exclusive: Erdogan is just like Putin but there’s no need to impose sanctions, Osman Kavala says
Esteri / Medvedev attacca i leader Ue: "Sono di basso livello, è chiaro a tutti che Draghi non è Berlusconi"
Esteri / Vanno al funerale con un furgone, intera famiglia distrutta in un incidente
Esteri / Guerra in Ucraina, via libera alla candidatura all'Ue per Kiev e la Moldavia. Cremlino: accettino tutte le richieste russe
Esteri / Brasile, una giudice ha negato l’aborto a una bambina di 11 anni vittima di stupro