Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le stragi più sanguinose degli Stati Uniti dal 1949 a oggi

Immagine di copertina
Credit: Afp

La sparatoria di Las Vegas è stata la 273esima avvenuta negli Stati Uniti nel 2017 e la più letale nella storia del paese. Ecco una lista delle stragi più sanguinose causate dalle armi da fuoco negli Stati Uniti:

Nella notte tra l’1 e il 2 ottobre 2017, almeno 59 persone sono state uccise e altre 527 sono rimaste ferite per la sparatoria avvenuta a Las Vegas, negli Stati Uniti, nel corso di un concerto di musica country.

La sparatoria è stata la più letale della storia degli Stati Uniti, superando quella di Orlando, avvenuta in Florida tra l’11 e il 12 giugno 2016, quando 49 persone furono uccise nella discoteca Pulse da Omar Mateen, un terrorista statunitense ispiratosi agli ideali del sedicente Stato Islamico.

La sparatoria di Las Vegas è considerata la più sanguinosa mai registrata dal 1949, anno in cui per la prima volta venne identificato il concetto di “mass shooting”, letteralmente sparatoria di massa.

Di seguito è riportato un elenco di sparatorie avvenute negli Stati Uniti che hanno registrato 12 o più morti (esclusi gli assalitori):

  • 1 OTTOBRE 2017, Las Vegas, Nevada

Un uomo di 64 anni, Stephen Paddock, apre il fuoco durante il Route 91 Harvest Music Festival a Las Vegas. Il bilancio è di almeno 59 morti e 527 feriti.

  • 12 GIUGNO 2016, Orlando, Florida

Il 29enne Omar Saddiqui Mateen spara all’interno del Pulse, un locale gay di Orlando, e uccide 49 persone ferendone altre 58.

  • 16 APRILE 2007, Virginia Tech,

Seung-Hui Cho, 23 anni di origine coreana, uccide 32 persone nel campus del Virginia Tech. Il ragazzo si è poi suicidato.

  • 14 DICEMBRE 2012, Newtown, Connecticut

Un ventenne, Adam Lanza, entra nella scuola elementare di Sandy Hook a Newtown, in Connecticut, e apre il fuoco uccidendo 27 persone, fra i cui 20 bambini.

  • 16 OTTOBRE 1991, Texas

Il 35enne George Hennard si schianta a bordo del suo pick up contro la caffetteria Luby’s a Killeen, in Texas. Uscito dall’auto apre il fuoco e uccide 23 persone.

  • 18 LUGLIO 1984, California

A San Ysidro il 41enne James Hubert uccide 21 persone in un McDonald’s e fugge. Un’ora dopo aver compiuto il folle gesto viene ucciso dalla polizia.

  • 1 AGOSTO 1966, Texas

L’ex marine Charles Joseph Whitman sale sulla torre dell’Università del Texas e, come un cecchino, apre il fuoco. Il bilancio è di 16 morti e 30 feriti.

  • 2 DICEMBRE 2015, San Bernardino

14 persone vengono uccise e 22 rimangono ferite gravemente in un attacco all’Inland Regional Center. I due killer, un uomo e una donna sposati e simpatizzanti dello Stato islamico, vengono uccisi dalla polizia San Bernardino.

  • 16 SETTEMBRE 1949, Camden, New Jersey

13 persone vengono uccise e tre restano ferite a Cramer Hill, quando Howard Unruh, un veterano della Seconda guerra mondiale, apre il fuoco contro i propri vicini, uomini, donne e bambini.

  • 20 AGOSTO 1986, Oklaoma

Il dipendente part-time delle poste americane, Patrick Henry Sherrill, uccide 14 persone in 10 minuti e poi si toglie la vita.

  • 20 APRILE 1999, Littleton, Colorado

Due studenti della Columbine High School di Denver, Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17, aprono il fuoco e uccidono 13 loro compagni ed un insegnante prima di togliersi la vita.

  • 5 NOVEMBRE 2009, Fort Hood

Un soldato americano di origine palestinese, uno psichiatra di 39 anni, apre il fuoco a Fort Hood, in Texas, e fa 13 morti e 42 feriti.

  • 3 APRILE 2009, New York

Un uomo di 42 anni di origini vietnamite spara in un centro di accoglienza per gli immigrati a Binghamton, a 200 chilometri da New York: il bilancio finale e’ di 13 morti.

  • 25 SETTEMBRE 1982, Wilkes-Barre, Pennsylvania

George Banks, una ex guardia carceraria uccide 13 persone e ne ferisce una.

  • 18 FEBBRAIO 1983 Seattle   

A Chinatown, tre rapinatori armati assaltano il Wah Mee, un club in cui si gioca d’azzardo, uccidendo 13 persone e ferendone un’altra.

  • 20 LUGLIO 2012, Aurora

La prima mondiale del film di Batman, ‘The Dark Knight Rises’, si trasforma in un bagno di sangue: un uomo di 24 anni con una maschera come quella del ‘cattivo’ del film, entra in un cinema di Denver, Colorado, nel quartiere di Aurora, durante la proiezione e uccide 12 persone e ne lascia 70 a terra ferite.

  • 16 SETTEMBRE 2013, Washington, D.C.

12 persone sono morte e otto sono rimaste ferite, quando Aaron Alexis è entrato in una struttura della marina statunitense e ha aperto il fuoco contro i presenti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”