Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli americani non credono più che gli Stati Uniti siano la più grande nazione al mondo

Immagine di copertina

Nel 2014, solo il 28 per cento degli americani ha ritenuto che gli Stati Uniti fossero la migliore nazione al mondo, in calo del 10 per cento rispetto a tre anni prima

Will McAvoy, il carismatico protagonista della serie tv The Newsroom, nel primo episodio si vede rivolta questa domanda: “Perché l’America è la più grande nazione del mondo?”.

In quello che ormai è un classico della televisione, Jeff Daniels, l’attore che interpreta McAvoy, offre un appassionato monologo sul perché l’America non sia più la più grande nazione del mondo.

Nel 2014 la stessa domanda è stata posta dal prestigioso istituto demoscopico americano Pew Research a un campione di americani. La risposta emersa è che sì, l’America è un grande Paese, ma forse non il più grande.

Nel 2011, il 38 per cento degli americani riteneva che gli Stati Uniti fossero la migliore nazione del mondo, mentre nel 2014 sono stati il 28 per cento.

Al contempo, nel 2011, il 53 per cento inseriva l’America nel novero delle grandi nazioni (ma non più “the greatest“), numero cresciuto al 58 per cento nel 2014.

Si potrebbe pensare che questo calo sia giustificato dalla delusione dei Repubblicani nei confronti di Obama, visto come un presidente debole. In realtà il declino è presente in tutti e tre i gruppi politici, con un calo di 15 punti fra i Repubblicani, 7 fra gli Indipendenti e 8 fra i Democratici.

La decrescita è anche abbastanza uniforme nelle varie fasce d’età, con solo le persone fra i 50 e i 64 anni che registrano un calo inferiore (-7) alla media (-10).

Inoltre gli americani, come è emerso da un sondaggio di Gallup del 2014, sono meno soddisfatti della loro libertà personale di quanto non lo siano gli uzbeki (nazione definita “non libera” dall’Ong Freedom House): un risultato preoccupante per un Paese che si definisce “the land of the Free”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”