Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Somalia l’esercito ha ucciso un ministro per errore

Immagine di copertina

Abdullahi Sheikh Abas, il più giovane parlamentare nella storia del paese, è stato raggiunto dal “fuoco amico” dopo essere stato scambiato per un militante islamista

Le forze di sicurezze somale hanno ucciso con colpi d’arma da fuoco un ministro del governo per errore. Secondo quanto riportato dagli ufficiali, l’uomo è stato scambiato per un militante islamista.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il ministro, 31enne, è stato ucciso all’interno del suo veicolo vicino al palazzo presidenziale, nella capitale Mogadiscio. 

La vittima è cresciuta in un campo per rifugiati. È diventato il più giovane membro del parlamento a novembre 2016 ed è stato nominato ministro per i Lavori pubblici a febbraio.

Il governo somalo ha arresto due soldati per l’uccisione del ministro.

In Somalia è in corso un conflitto con le forze governative che combattono il gruppo islamista al-Shabab, affiliato ad al-Qaida.

Le forze di sicurezza hanno bloccato la strada e, pensando che l’auto fosse guidata da un miliziano, hanno aperto il fuoco, secondo quanto riportato dall’ufficiale di polizia Nur Hussein.

Abdullahi Sheikh Abas è stato ucciso “per errore, hanno aperto il fuoco contro la sua automobile accidentalmente”, ha detto il portavoce del sindaco di Mogadiscio, Adbifatah Omar Halane.

Il presidente Mohamed Abdullahi Mohamed Farmajo ha annunciato che per Abas sarà celebrato un funerale di stato. 

Secondo quanto spiega all’emittente Bbc l’analista Abdullahi Abdi, non è la prima volta che avviene un episodio del genere. Già in passato le truppe hanno sparato contro ufficiali o contro altri esponenti delle forze di sicurezza per errore. Ma Abas è probabilmente la persona più nota e più alta di rango uccisa dal “fuoco amico”. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid