Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, nuovo raid su Idlib: rotta la tregua siglata da Russia e Turchia

Immagine di copertina
Credit: AFP

Il raid, condotto dalle forze siriane appoggiate dalla Russia, ha messo fine alla tregua che era stata raggiunta il 17 settembre 2018

Il 2 novembre 2018 almeno otto persone sono morte a seguito di un nuovo bombardamento che ha colpito la provincia di Idlib, l’ultima roccaforte ancora in mano ai ribelli.

Il raid, condotto dalle forze siriane appoggiate dalla Russia, ha messo fine alla tregua che era stata raggiunta il 17 settembre per fermare un nuovo attacco armato contro la regione ed evitare così un bagno di sangue.

Il bilancio dell’ultimo bombardamento è il più elevato da quanto è stato raggiunto il cessate il fuoco tra Russia, Siria e Turchia e istituita la zona demilitarizzata di 15-20 chilometri.

Secondo l’Osservatorio siriani per i diritti umani, le vittime si trovavano nel paese di Jarjanaz, all’interno dell’area di disarmo.

La violazione dell’accordo – Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri della Siria aveva accusato il governo turco di non aver rispettato l’accordo e aveva avvertito che le forze governative erano pronte a intervenire nella regione.

Secondo il governo siriano, infatti, il gruppo jihadista Hayat Tahrir Al-Sham, che si era impegnato a rispettare i termini dell’accordo, non avrebbe ancora abbandonato la regione di Idlib.

Il primo novembre anche il presidente russo Putin ha ribadito che il gruppo islamista stava continuando a violare l’accordo.

I summit internazionali – Il 23 ottobre gli alti funzionari diplomatici di Russia, Turchia e Iran si sono incontrati a Mosca per cercare di trovare una soluzione alla situazione di stallo che si era creata in Siria.

Il 27 ottobre si è invece tenuto il summit tra Russia, Germania, Turchia e Francia a Istanbul.

Nel documento conclusivo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, l’omologo russo Vladimir Putin, il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno chiesto di preservare il cessate il fuoco nella provincia ribelle di Idlib e cercare una “soluzione politica” alla guerra che sconvolge la Siria.

Chi controlla cosa – La provincia di Idlib, nella parte nord-ovest del paese, è l’ultima forte roccaforte ancora in mano ai gruppi ribelli e jihadisti che hanno cercato di rovesciare Assad negli ultimi sette anni.

Dopo aver ripreso il controllo di Aleppo, della regione del Ghouta orientale, di Douma e di Daraa, Idlib è l’ultimo territorio in cui Assad non è riuscito a sconfiggere i ribelli.

Il governo ha di recente ripreso il controllo del sud del paese, togliendo ai ribelli i territori di Quneitra e di Daraa, al confine con Israele e Giordania. Quneitra in particolare si trova nella zona delle Alture del Golan, un territorio occupato da Israele nella Guerra dei sei giorni del 1967 e tuttora conteso con la Siria.

Il nord del paese invece è controllato dalle forze curde, mentre l’Isis continua a imperversare nel cuore della Siria, tra Palmira e Deir Az Zor.

Oltre a Idlib, l’ultima zona in cui si attesta una presenza dei ribelli è quella di Afrin, in cui si trovano anche truppe turche che sostengono parte dei ribelli e che monitorano il confine tra i due paesi.

I ribelli che controllano Idlib appartengono a tante fazioni rivali, tra cui un’alleanza jihadista legata ad al-Qaeda e un rivale Fronte di liberazione nazionale sostenuto dalla Turchia.

siria news Idlib

Fonte: Aljazeera

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice