Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Siria, 15 bambini sono morti per il freddo nei campi profughi

Sfuggire alle bombe, ai colpi di mortaio e alla violenza dell'Isis non è stato sufficiente

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 17 Gen. 2019 alle 08:57 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:15
1
Immagine di copertina
Credit: Mohamad Abazeed/ AFP

Quindici bambini sono morti a causa del freddo nei campi profughi in Siria, secondo quanto denunciato dalle Nazioni Unite: otto hanno perso la vita nel campo di Rukban, nel sud-est, e altri sette dopo essere scappati da Hajin, la città a nord fino a poco tempo fa roccaforte dell’Isis.

Sfuggire alle bombe, ai colpi di mortaio e alla violenza dell’Isis non è stato sufficiente: la morta ha comunque raggiunto i bambini, da sempre i meno protetti e quelli contro cui la guerra si accanisce maggiormente.

“Le temperature e le condizioni di vita a Rukban stanno mettendo a rischio la vita dei bambini”, ha dichiarato il direttore regionale dell’Unicef, Geert Cappelaere.

“In un solo mese, almeno otto bambini sono morti: la maggior parte aveva solo quattro mesi, il più piccolo è morto un’ora dopo la nascita”, ha continuato Cappelaere, che ha spiegato che nei campi profughi al confine con la Giordania l’80 per cento dei rifugiati (circa 45mila persone) sono donne e bambini.

Il maltempo che sta interessando la Siria non ha colpito solo i campi profughi: il freddo e la neve hanno messo in pericolo anche chi fugge dai territori in mano all’Isis in cui continuano i combattimenti, come Hajin.

La città è stata riconquistata a fine 2018 dalle forze curdo-arabe sostenute dagli Stati Uniti, ma vivere nella regione di Deir el Zoz è ancora pericoloso: secondo le Nazioni Unite, oltre 10mila persone sono fuggite dalla provincia da dicembre.

“Le famiglie che abbandonano la regione in cerca di salvezza devono affrontare molte difficoltà, a partire dal freddo e dall’assenza di un riparo”, ha detto Cappelaire.

La sicurezza di uomini, donne e bambini che scappano dall’est della Siria non è l’unico problema da affrontare: secondo le Forze democratiche siriane i jihadisti dell’Isis cercano di mimetizzarsi tra i civili in fuga per colpire in altre zone del paese.

Anche nel nord-ovest della Siria, nella zona di Idlib sotto il controllo di ribelli e jihadisti, la vita dei civili è messa in pericolo dall’intensificarsi dei combattimenti.

Inoltre, le violenze tra fazioni rivali stanno mettendo ritardando l’approvvigionamento di aiuti umanitari. “I casi di malattie sono in aumento e nelle aree più colpite le famiglie sono tagliate fuori dal mondo esterno, impossibilitate a lasciare i campi per accedere alle strutture sanitarie e in alcune aree anche le scuole sono state chiuse”, hanno affermato da Save the Children.

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.