Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Bombardati due ospedali dell’area di Aleppo controllata dai ribelli

Gli ospedali M2 e la M10, i nomi in codice utilizzati per oscurare le posizioni delle strutture, sono stati colpiti alle 4 di notte e poi di nuovo alle 10 del mattino

Di TPI
Pubblicato il 28 Set. 2016 alle 12:09 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:02
0
Immagine di copertina

I due più grandi ospedali dell’area di Aleppo orientale sotto il controllo dei ribelli sono stati bombardati la scorsa notte e questa mattina, 28 settembre 2016, nell’ultima devastante offensiva delle truppe governative, che ha provocato centinaia di vittime.

Gli ospedali M2 e la M10, i nomi in codice utilizzati dai medici locali per oscurare le posizioni delle strutture, sono stati colpiti alle 4 di notte e poi di nuovo intorno alle 10 del mattino, in quello che un funzionario locale ha descritto come una campagna di bombardamenti “catastrofica e senza precedenti nella storia moderna”. Almeno 18 persone sono morte e 88 sono rimaste ferite nelle ultime ore, anche se i numeri sono sottostimati dal momento che non comprendono coloro che sono rimasti intrappolati sotto le macerie. 

I medici dell’ospedale M2 hanno detto di aver cercato riparo nel seminterrato dell’ospedale per sfuggire ai bombardamenti in corso.

Ci sono solo 30 medici rimasti nella parte orientale di Aleppo, i quali criticano fortemente quella che descrivono come una campagna sistematica di distruzione contro i medici e le strutture mediche.

“È lo sterminio di una grande città ridotta alla fame, che ha ucciso i suoi 85.000 bambini utilizzando qualsiasi tipo di armi”, ha detto Zaher Sahlùl, consulente dell’American Medical Society (SAMS), che supporta entrambi gli ospedali che sono stati bombardati durante la notte.

Una vittoria a Aleppo sarebbe un grande vantaggio per Assad, che gli permetterebbe di rivendicare la maggior parte dei centri urbani densamente popolate della Siria, relegando la ribellione al rango di rivolta nei centri rurali.

Le forze governative siriane hanno ripetutamente attaccato i ribelli su più fronti in una nuova pesante offensiva di terra a Aleppo iniziata allo scadere del cessate il fuoco e che oggi prosegue senza sosta. L’offensiva, sostenuta anche dagli alleati russi del regime di Assad, ha l’obiettivo di riprendere una volta per tutte le aree della città ancora sotto il controllo dei ribelli.

“Ci sono stati scontri ad Al-Suweiqa dalle 5 del mattino fino ad ora. L’esercito è avanzato di qualche posizione, ha riferito un miliziano del gruppo Levant Front. 

Un altro funzionario dei ribelli ha detto che le forze governative stanno attaccando il campo profughi controllato dai ribelli ad Handarat, alcuni chilometri a nord di Aleppo.

Secondo un comandante dei ribelli, alcuni stati esteri hanno fornito razzi Grad per rispondere all’offensiva delle truppe governative e russe. I razzi Grad, con una gittata di 22 o 40 chilometri “sono stati forniti in quantità straordinarie” e saranno utilizzato su fronti di battaglia di Aleppo, Hama e della regione costiera, ha riferito il comandante ribelle Fares al-Bayoush all’agenzia Reuters.

— LEGGI ANCHE: TUTTI GLI ATTACCHI CONTRO GLI OSPEDALI IN SIRIA IN UNA MAPPA

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.