Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I curdi lanciano un’offensiva per riconquistare Sinjar

Immagine di copertina

Le forze curde, sostenute dagli attacchi aerei degli Stati Uniti, hanno attaccato la città di Sinjar che dall'agosto del 2014 è nelle mani del sedicente Stato islamico

Le forze curde, sostenute dai raid aerei degli Stati Uniti, hanno lanciato un’offensiva contro l’Isis per riconquistare Sinjar, città nel nord del’Iraq e al confine con la Siria, secondo quanto ha dichiarato il Consiglio di sicurezza regionale curdo iracheno.

Sinjar è una città strategica per il sedicente Stato islamico, perché usata per il passaggio di truppe e il rifornimento di armi tra Mosul e Raqqa.

Gli attacchi aerei della coalizione, guidata dagli Stati Uniti, sarebbero iniziati già nella notte di mercoledì 11 novembre con lo scopo di aprire la strada ai peshmerga curdi, che, invece, attaccano la città via terra. All’alba di giovedì è cominciata l’offensiva congiunta contro le postazioni dell’Isis.

Per quest’azione, che i curdi chiamano operazione libera Sinjar, sarebbero arrivati nella città di montagna circa 7.500 combattenti curdi. 

La città era caduta nelle mani del sedicente Stato islamico nell’agosto del 2014 causando la fuga di migliaia di yazidi, una minoranza religiosa considerata infedele dai militanti dell’Isis. Molti uomini yazidi sono stati uccisi, mentre le donne e le bambine sono state catturate come schiave sessuali

Proprio per paura che queste repressioni potessero degenerare in un genocidio, gli Stati Uniti hanno deciso di sostenere con una coalizione i curdi peshmerga in particolare con attacchi aerei in Iraq, successivamente estesi anche al territorio siriano.

Nei mesi scorsi i curdi erano riusciti a conquistare alcune parti della città di Sinjar, ma l’Isis aveva fatto molta resistenza respingendo gli attacchi. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice