Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Silvia Romano viva, costretta al matrimonio e all’islamizzazione forzata: la nuova pista seguita dall’intelligence

Immagine di copertina

Silvia Romano costretta al matrimonio e all’islamizzazione forzata: la nuova pista seguita dall’intelligence

Si apre una nuova pista sul rapimento di Silvia Romano, la cooperante italiana sequestrata in Kenia il 20 novembre 2018: un matrimonio forzato in Somalia. Silvia sarebbe stata portata nel sud della Somalia e costretta a sposarsi e a subire un’islamizzazione forzata, ma sarebbe ancora viva. A dirlo è il quotidiano il Giornale, che parla di “lavaggio del cervello” e di “accerchiamento psicologico” ai danni della giovane cooperante.

Secondo il quotidiano, la donna sarebbe diventata “proprietà” di un uomo probabilmente legato all’organizzazione che l’ha rapita.

“Oggi Silvia (o qualunque sia il nuovo nome che le hanno imposto) è una donna costretta a indossare il velo, a seguire la legge coranica. Vogliono che si senta una di loro”, scrive il quotidiano, sostenendo che sia sia trattato di un’operazione di indottrinamento e di assimilazione alla cultura islamica tipica dei jihadisti nei confronti di prigionieri di guerra. L’obiettivo di questa operazione sarebbe quello di liberare l’ostaggio per farlo tornare in patria da “infiltrato”, dopo essersi assicurato la sua fedeltà alla causa jihadista.

“La notizia del matrimonio di Silvia è data per certa negli ambienti della nostra intelligence, che seguono con grande attenzione l’odissea della Romano”, scrive il Giornale, che però si chiede quale utilità possa avere la 23enne per la causa della jihad.

Secondo la ricostruzione, dopo il rapimento della giovane qualcosa non ha funzionato nei servizi segreti italiani, e Silvia Romano è stata trasferita dal Kenya alla Somalia, dove è molto più difficile intervenire per liberare la cooperante.

“L’unica strada rimasta aperta è rimasta quella dell’intelligence, della ricerca di contatti e di trattative con i rapitori, in vista del pagamento di un riscatto”, si legge sul quotidiano diretto da Alessandro Sallusti.

Il quotidiano sostiene che il fatto che siano arrivate all’intelligence italiana le notizie del presunto matrimonio della giovane sia la prova che è stato attivato un canale di comunicazione attendibile con la giovane, anche se è difficile liberare Silvia.

Ma ve la ricordate Silvia Romano? Anche stavolta ci siamo accontentati dei rottami della memoria

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tenta di fuggire dal marito dell’amante: uomo precipita dal quarto piano e muore sul colpo
Esteri / Usa, Ocasio-Cortez: “Sono stata violentata a 20 anni, grazie a Dio potevo scegliere se abortire”
Esteri / Guerra in Ucraina, Il G7 al fianco dell'Ucraina "finché sarà necessario". Zelensky: "Non è il momento di negoziare"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tenta di fuggire dal marito dell’amante: uomo precipita dal quarto piano e muore sul colpo
Esteri / Usa, Ocasio-Cortez: “Sono stata violentata a 20 anni, grazie a Dio potevo scegliere se abortire”
Esteri / Guerra in Ucraina, Il G7 al fianco dell'Ucraina "finché sarà necessario". Zelensky: "Non è il momento di negoziare"
Esteri / Strage di migranti a Melilla, la denuncia delle organizzazioni umanitarie. Video
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Esteri / Pitone da record catturato in Florida: “Pesa 100 chili ed è lungo 6 metri”. Video
Esteri / Sudafrica, 22 giovani trovati morti in un night club
Esteri / Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo
Esteri / Migranti, almeno 27 morti al confine tra Marocco e Spagna. Sanchez: “Responsabilità dei trafficanti”
Esteri / Lione, bambina di 11 mesi avvelenata con l’acido dalla maestra: voleva farla smettere di piangere