Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Si sono registrati 24mila tentativi di accesso a siti porno dal Parlamento britannico

Immagine di copertina
La sede del parlamento britannico.

Dopo le elezioni parlamentari nel Regno Unito, ci sono stati oltre 24mila tentativi di accesso a siti pornografici dalle Camere del Parlamento.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La cifra di 24.473 tentativi rappresenta in media circa 160 richieste al giorno in media da computer e altri dispositivi collegati alla rete parlamentare, la rete utilizzata da parlamentari e personale, tra giugno e ottobre dell’anno scorso.

Il Parlamento britannico è stato recentemente investito da un importante scandalo sessuale a Westminster, che ha condotto alle dimissioni dell’ex vice premier Damian Green, sorpreso nel 2008 con alcune foto pornografiche sul suo computer personale nell’ufficio alla Camera dei Comuni e accusato di aver abusato di almeno due donne, un’attivista e una giornalista.

Il picco dei tentativi di accesso è stato registrato a settembre 2017.

Nel 2016, il sistema di filtraggio parlamentare ha bloccato 113.208 tentativi, in calo rispetto ai 213.020 dell’anno precedente.

Un portavoce parlamentare ha commentato dicendo: “Tutti i siti web pornografici sono bloccati dalla rete di computer del parlamento. La stragrande maggioranza dei tentativi di accedervi non è intenzionale. I dati mostrano richieste di accesso a siti Web, non visite vere e proprie”.

Ci sono 8.500 computer sulla rete parlamentare, che sono usati dai parlamentari e dallo staff. I dati sugli accessi ai siti porno riguardano anche i dispositivi personali utilizzati quando si accede alla rete wifi.

Si sono registrati inoltre almeno 2.751.755 tentativi di accedere a siti web bloccati sulla rete parlamentare da gennaio a ottobre di quest’anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo