Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Uno sciopero generale paralizza le principali città del Brasile

Immagine di copertina

I sindacati brasiliani hanno indetto le proteste contro le misure di austerità del presidente Michel Temer e contro le riforme di lavoro e pensioni

Uno sciopero generale indetto dai sindacati brasiliani per protestare contro le misure di austerità del presidente Michel Temer ha paralizzato molte delle grandi città del paese, venerdì 28 aprile. Chiuse aziende e scuole.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

A San Paolo e Rio de Janeiro i manifestanti hanno creato delle barricate di pneumatici in fiamme per bloccare le autostrade e l’accesso ai principali aeroporti.

In alcune città si sono registrati scontri tra la polizia e i manifestanti, nel tentativo di fermare le persone che protestavano e che volevano entrare all’interno degli aeroporti. A San Paolo dieci persone sono state arrestate in seguito alle proteste e ai tafferugli scoppiati.

Tantissimi lavoratori in tutto il paese dovrebbero rispondere alla chiamata allo sciopero di 24 ore, dovuto in gran parte alle riforme di lavoro e pensioni che il governo sta portando avanti. 

Lo sciopero permetterà inoltre di estendere le vacanze per il ponte del primo maggio, in occasione della festa dei lavoratori. Si tratta del primo sciopero generale in Brasile in più di due decenni. Ci si aspettano manifestazioni in tutte le più grandi città con un’adesione di oltre 200 milioni di persone.

“Si appresta a diventare il più grande sciopero della storia del Brasile”, ha detto Paulo Pereira da Silva, presidente del sindacato Forca Sindical.

“Temer non vuole negoziare”, ha dichiarato Vagner Freitas, presidente nazionale del Central Workers Union, la più grande confederazione brasiliana. “Vuole solo andare incontro alle richieste degli uomini d’affari che hanno finanziato il golpe”.

Marcio de Freitas, un portavoce di Temer, ha rigettato le accuse, sostenendo che il governo sta lavorando per riparare ai danni economici provocati dal governo del Workers Party. “Il governo sta portando avanti riforme per cambiare questa situazione, creare lavoro e crescita economica”, ha detto.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron