Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scambio di quasi 200 prigionieri tra Houthi e forze governative in Yemen

Immagine di copertina

La nuova priorità delle due fazioni è combattere l'Isis e al-Qaeda, e questo potrebbe spingerle a cooperare e rispettare la tregua

I ribelli sciiti Houthi e le forze filogovernative hanno proceduto allo scambio di quasi 200 prigionieri a Taiz, nello Yemen sudoccidentale, sabato 18 giugno 2016.

Lo scambio ha coinvolto 118 Houthi e 76 lealisti, per un totale di 194 prigionieri, e rappresenta un passo importante che riaccende la speranza che il cessate il fuoco proclamato in aprile possa affermarsi anche a Taiz, terza città yemenita, dove vi sono state ripetute violazioni da ambo le parti.

La minaccia comune rappresentata dall’Isis potrebbe spingere le due fazioni a collaborare. I miliziani del sedicente Stato islamico hanno condotto una serie di attacchi suicidi mentre i qaedisti hanno notevole influenza su porzioni del territorio yemenita e preoccupano seriamente la vicina Arabia Saudita.

Il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha infatti annunciato giovedì 16 giugno che la nuova priorità del regno è combattere l’Isis e altre milizie in Yemen, piuttosto che gli insorti Houthi.

La tregua annunciata all’inizio dei colloqui di pace sponsorizzati dall’Onu ha smorzato i combattimenti, ma non a Taiz dove colpi di mortaio su un mercato all’inizio di giugno hanno causato 12 vittime e oltre 120 feriti.

I negoziati in Kuwait procedono molto lentamente. La guerra tra i ribelli Houthi e le forze governative sostenute da una coalizione guidata dall’Arabia Saudita ha finora causato oltre 6.200 vittime e costretto alla fuga 2,5 milioni di civili, causando una grave crisi umanitaria.

Oltre la metà della popolazione yemenita, più di 14 milioni di persone, hanno bisogno di assistenza e scorte alimentari.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte
Esteri / Commissione Ue: “Riconoscere i diritti dei genitori gay in tutti i Paesi membri”
Esteri / “La Russia ‘congela’ ora la guerra per lanciare un’offensiva in primavera”: l’allarme della Nato
Esteri / Torso killer, l’assassino più spietato della storia: la confessione di altri cinque omicidi dopo 50 anni
Esteri / Germania, preparavano un colpo di Stato e il ritorno al Reich: 25 arresti