Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

ESCLUSIVO TPI – “Picchiati e trattati come animali”: le torture sui minori palestinesi nelle carceri israeliane denunciate dal rapporto di Save The Children

Immagine di copertina

L'organizzazione umanitaria denuncia i trattamenti disumani subiti dai minori palestinesi nelle carceri gestite da Israele e l'impatto devastante sulla loro crescita nel rapporto "Senza Difesa", diffuso proprio in occasione della missione del ministro degli Esteri Luigi Di Maio in Medio Oriente. Noi di TPI lo abbiamo visionato in esclusiva

Esclusivo TPI – L’81 per cento dei minori palestinesi detenuti nelle carceri gestite da Israele ha subito percosse fisiche e l’89 per cento abusi verbali, l’86 per cento è stato sottoposto a perquisizioni corporali, con umiliazione e vergogna; l’88 per cento non ha ricevuto cure adeguate e tempestive, anche quando esplicitamente richieste e a quasi la metà (il 47 per cento) è stato negato il contatto con un avvocato. È quanto rivela il rapporto di Save The Children “Senza Difesa” visionato da noi di TPI in esclusiva.

Percosse, abusi psicologici e solamento sono solo alcuni dei trattamenti disumani a cui sono soggetti i minori palestinesi all’interno del sistema di detenzione militare israeliano che l’Organizzazione Internazionale ha denunciato nel rapporto. Attraverso le testimonianze di oltre 470 minori detenuti negli ultimi dieci anni provenienti da tutta la Cisgiordania, il rapporto “Senza Difesa” evidenzia come la maggior parte dei soggetti intervistati sia stato portato via dalla propria casa di notte, bendato, con le mani dolorosamente legate dietro la schiena. A molti non è stato detto il motivo per cui venivano arrestati o dove stavano andando, né offerta la possibilità di difendersi e di servirsi di un avvocato.

“Hanno distrutto la porta d’ingresso, sono entrati nella mia stanza, mi hanno coperto il viso con un sacchetto e mi hanno portato via. Hanno detto a mio padre che sarei tornato il giorno dopo. Sono tornato dopo 12 mesi”, ha detto Abdullah (nome di fantasia) che da minorenne è stato arrestato ben sei volte. Ogni anno centinaia di minori palestinesi come Abdullah vengono detenuti dalle autorità israeliane, e sono gli unici al mondo a essere sistematicamente perseguiti attraverso un sistema giudiziario militare invece che civile. Al momento sono 160. L’accusa più comune è il lancio di pietre, per il quale la pena massima è 20 anni di carcere.

Dopo il loro arresto, i minori vengono trasferiti in centri dove vengono interrogati. Secondo le testimonianze raccolte nel rapporto visionato in esclusiva da TPI i detenuti sono costretti a giacere a faccia in giù sul pavimento di metallo di veicoli militari, senza poter usare il bagno, privati ​​di cibo e acqua,  aggrediti fisicamente. “Mi hanno arrestato mentre andavo a scuola a un posto di blocco militare. Hanno perquisito la mia borsa e mi hanno parlato in ebraico, una lingua che non capisco. Mi hanno ammanettato, buttato a terra e calpestato sulla schiena”, ha raccontato Fatima (nome di fantasia), arrestata quando aveva 14 anni.

Senza Difesa, il rapporto di Save The Children sui minori palestinesi torturati nelle carceri gestite da Israele | VIDEO

Per i ragazzi intervistati dagli operatori umanitari di Save The Children, l’esperienza della detenzione è stata “crudele”, “disumanizzante”, “umiliante” e “terrificante”. Secondo Amina (nome di fantasia) arrestata a 15 anni, in carcere “non ti senti un essere umano”. “Siamo stati trattati come animali”, ha raccontato. Anche Issa, come gli altri, è stato arrestato all’età di 15 anni. Nella sua brutale testimonianza, racconta di essere stato aggredito verbalmente dai militari durante tutto il tempo dell’interrogatorio. “Hanno messo una pistola sul tavolo per spaventarmi. Hanno detto brutte parole, parolacce. Non voglio pensare a quelle parole…La prigione era un posto orribile. Suonavano le sveglie a mezzanotte, alle 3 e alle 6, per non farci dormire a lungo, e se non ti svegliavi venivi picchiato. Sono stato picchiato più volte con bastoni di legno. Ho ancora mal di schiena a causa di un pestaggio particolarmente duro”, ha raccontato.

Fino alla metà dei minori intervistati da Save the Children per il rapporto visionato in esclusiva da TPI ha riferito di essere stato tenuto in isolamento, a volte per diverse settimane. Più della metà di questi ha affermato di non essere stato autorizzato a vedere le proprie famiglie e in alcuni casi è stato fatto credere loro che le famiglie li avessero abbandonati, facendoli sentire spaventati, soli e rifiutati. Oltre a raccontare in modo dettagliato l’esperienza dei bambini all’interno del sistema detenzione israeliano, il rapporto “Senza Difesa” rivela anche il profondo impatto della detenzione sulle vite dei ragazzi sin dal loro rilascio, con la stragrande maggioranza che afferma che queste esperienze li hanno cambiati per sempre.

Anche dopo la scarcerazione, i minori spesso lottano con insonnia, incubi, disturbi alimentari, cambiamenti comportamentali, rabbia o sentimenti di depressione, nonché strascichi fisici come stordimento, dolori muscolari cronici, mal di testa e tremori incontrollabili. Una delle conseguenze più gravi denunciate dal dossier di Save The Children è la “normalizzazione” dell’esperienza detentiva. “La frequenza con cui avvengono gli arresti e le detenzioni fa sì che alcuni bambini finiscono per vedere la detenzione come normale o inevitabile”, si legge nel rapporto.

“La stragrande maggioranza (il 96 per cento) di ex detenuti crede che tutti i bambini palestinesi alla loro età rischino di essere incarcerati. Alcuni dichiarano che finire in carcere è ‘inevitabile’ data l’occupazione”. “Non ricordo tutti i dettagli della mia detenzione, solo alcune parti. Cerco di non pensarci, è normale per me. Ci sono passato così tante volte che è diventato parte della mia vita”, racconta Rami (nome di fantasia), detenuto a 17 anni.

Minori palestinesi torturati nelle carceri israeliane – I disegni raccolti da Save The Children

Questi disegni sono stati realizzati da un ragazzo di 25 anni detenuto per due volte quando ne aveva 17. La prima è rimasto in carcere per tre mesi e mezzo, la seconda per solo un giorno. Save The Children lo ha aiutato a superare il trauma offrendogli supporto psicologico insieme al partner YMCA. Le due organizzazioni umanitarie hanno dato al giovane la possibilità di sviluppare il suo talento artistico: adesso il ragazzo è diventato un pittore professionista che produce murales e disegni.

Il seguente disegno è stato realizzato da un ragazzo di 18 anni arrestato nel 2019, quando ne aveva 17. “Aspetto di uscire dalla prigione per rivedere i miei genitori e la mia famiglia”, recita la didascalia che appare nell’opera.

Minori palestinesi torturati nelle carceri israeliane: l’appello di Save The Children

“Minori di appena dodici anni ci hanno parlato di trattamenti veramente disumani subiti nel sistema di detenzione militare israeliano. Non c’è alcuna giustificazione per usare i cani contro i bambini, picchiarli o incatenarli a sedie di metallo. Di qualunque cosa siano accusati, indipendentemente dalla colpa o dall’innocenza, sono bambini e devono essere trattati prima di tutto come tali, con tutte le protezioni speciali che questo comporta”, ha dichiarato Jeremy Stoner, Direttore di Save the Children per il Medio Oriente.

“Nessun minore dovrebbe subire una tale crudeltà per mano di coloro che dovrebbero prendersi cura di lui. I minori non dovrebbero più essere perseguiti nei tribunali militari e non c’è mai stata maggiore urgenza di rilasciare i minori, nel momento in cui questi maltrattamenti sistematici sono aggravati dalla minaccia del COVID-19 nei centri di detenzione. Solo con questi cambiamenti possiamo evitare che vengano inflitti danni irrevocabili a generazioni di minori palestinesi” ha aggiunto Stoner.

“Save the Children chiede che il governo di Israele rispetti il diritto internazionale e ponga fine alla detenzione e ai maltrattamenti dei minori ai sensi del diritto militare. Le autorità israeliane devono adottare immediatamente garanzie concrete per migliorare la situazione dei minori attualmente detenuti, incluse la fine del maltrattamento sistemico, la creazione di sistemi di protezione e salvaguardia per i detenuti e la fornitura di servizi adeguati per sostenere ragazze e ragazzi nel riprendersi dalle loro esperienze”, è l’appello lanciato dall’Organizzazione Internazionale, che da che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

“L’Organizzazione chiede all’Autorità Palestinese (AP) di aumentare il supporto riabilitativo, compreso quello psicologico, per i minori che sono stati detenuti. L’AP dovrebbe anche offrire servizi di supporto volti a ridurre lo stigma associato ai minori detenuti e sostenere il loro reinserimento nelle comunità e nel sistema dell’istruzione”.

Minori palestinesi torturati nelle carceri israeliane – La petizione di Save The Children

In linea con la richiesta di numerosi esperti delle Nazioni Unite, Save the Children chiede il rilascio immediato di tutti i minori palestinesi detenuti, in questo momento esposti anche al rischio di contrarre il Coronavirus, affinché possano tornare in sicurezza nelle proprie famiglie e comunità. L’Organizzazione pertanto diffonde oggi una petizione per invitare il Ministro Di Maio e l’Ambasciatore presso le Nazioni Unite a Ginevra, Gian Lorenzo Cornado, a farsi promotori di un’iniziativa in seno al Consiglio Diritti Umani per la liberazione dei minori nelle carceri militari israeliane, anche per limitare la diffusione della pandemia. A questo link è possibile firmare la petizione.

Leggi anche: Esclusiva TPI: “Children of War”, la serie podcast che racconta le storie dei bambini sopravvissuti alla guerra

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown