Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Russia coinvolta in un piano sistematico di doping

Immagine di copertina

L'agenzia mondiale antidoping ha rivelato che i risultati dei test condotti sugli atleti russi erano falsificati da anni. Per questo ne ha chiesto l'allontanamento

La commissione indipendente istituita dalla World Anti-Doping Agency (Wada) – l’Agenzia mondiale antidoping – vorrebbe escludere la Russia da ogni competizione internazionale comprese le olimpiadi di Rio del 2016 a causa delle ripetute vicende di doping che hanno coinvolto gli sportivi russi.

La decisione finale spetterà alla Federazione mondiale dell’atletica (Iaaf) che dovrà valutare i dati emersi dalle indagini, durate 11 mesi. 

Secondo il report, molti atleti russi, inclusi gli olimpionici, avrebbero partecipato a un programma di doping sistematico durato anni.

Richard W. Pound, uno dei commissari della Wada, ha commentato dicendo: “È peggio di quanto credessimo. Si tratta di un residuo del vecchio sistema dell’Unione Sovietica”, facendo riferimento al sistema di doping in vigore nella Germania dell’est.

Il report accusa atleti, allenatori, dottori e istituzioni russe antidoping, inclusa quella che ha condotto i test ai giochi olimpici invernali di Sochi, puntando il dito anche contro il governo russo, che non solo avrebbe finto di non sapere quello che stava accadendo, ma che si sarebbe reso complice della rete illegale.

Secondo le indagini, gli atleti russi sapevano in anticipo quando sarebbero stati sottoposti ai test e quando questo non bastava, le società corrompevano i dottori o compivano atti intimidatori per nascondere l’utilizzo delle sostanze rinvenute nelle analisi degli sportivi, utilizzando anche membri dei servizi segreti.

Nel dicembre del 2014, oltre 1.400 campioni di analisi sarebbero stati distrutti per occultare la positività ai test antidoping degli atleti.

La Russia avrebbe sabotato le olimpiadi di Londra del 2012. Due delle vincitrici degli 800 metri, l’oro Mariya Savinova e il bronzo Ekaterina Poistogova, erano in realtà positive a sostanze dopanti.

La Wada riporta che la Russia è stata nel 2013 in Paese con più casi di doping scoperti e da sola ha ricoperto il 12 per cento di quelli globali.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte