Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 23:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il folle mese degli studenti norvegesi all’ultimo anno di liceo

Immagine di copertina
Studenti norvegesi durante la russefeiring

Il russefeiring è una particolare festa che coinvolge gli studenti norvegesi all'ultimo anno di liceo, basata su eccessi, alcol e promiscuità sessuale

Le feste studentesche più famose al mondo sono senza dubbio quelle dei college movies statunitensi come American Pie, fatte di eccessi e promiscuità sessuale. Eppure, quello che fanno abitualmente gli studenti norvegesi all’ultimo anno di liceo, non ha nulla da invidiare a ciò che si vede in quei film.

La russefeiring è una celebrazione che coinvolge i russe, i ragazzi che stanno per lasciare il liceo, per circa un mese, dal 20 aprile al 17 maggio – festa nazionale – ogni anno.

In questo periodo, i ragazzi protagonisti della festa vestono abitualmente colorati e compiono numerose trasgressioni, caratterizzate dall’elevato consumo di alcolici e dalla promiscuità sessuale. Ognuna di queste trasgressioni viene celebrata con un russeknuter, un nodo da attaccare sul particolare cappello che i ragazzi indossano in questo periodo.

Queste trasgressioni vanno da gare alcoliche, come bere 24 birre da 0,25 litri in 24 ore o scolarsi una bottiglia di vino in 20 minuti, fino alla violazione delle norme della convivenza civile, come l’attraversare la strada passando all’interno di una macchina ferma al semaforo, a una serie di cosa semplicemente assurde, come indossare per un giorno scarpe fatte di pane.

Oltre a questo, i giovani che partecipano alla russefeiring si muovono soprattutto in pullman e furgoni organizzati per l’occasione, si spostano con essi da un festival all’altro o semplicemente cercano un posto dove accamparsi e darsi alla pazza gioia.

Il festival è stato negli anni molto criticato per via di questi eccessi, considerati talvolta pericolosi e altre volte diseducativi. Per questa ragione, sono state inserite nuove prove dal significato ben differente, come quella di portare del cibo a un senzatetto.

Il 17 maggio, giorno della festa nazionale norvegese in cui si commemora la firma della costituzione del paese, si conclude la russefeiring e i ragazzi, per l’occasione, vestono abiti tradizionali del paese.

Secondo quanto riferito da Fredrik Helgesen, uno degli organizzatori della russefeiring, che lui sappia non esistono in tutto il mondo altre feste di questo tipo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Esteri / Siria devastata dal terremoto, ma la figlia di Assad avverte: “Non inviate aiuti alle zone controllate dai ribelli”
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria: nuova scossa 5.3 a Dogansehir. Le vittime sono più di 11.000
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti