Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Uno scimpanzé alla Corte Suprema di New York

Immagine di copertina

Per la prima volta nella storia, una corte potrebbe riconoscere a uno scimpanzé lo status di persona giuridica

Per la prima volta nella storia, una corte potrebbe
riconoscere a uno scimpanzé lo status di persona giuridica.

Il che vuol dire che essere riconosciuto come un’entità, diversa da una persona fisica, alla quale lo stato americano attribuisce la capacità
di essere titolare di diritti e di rapporti giuridici per scopi limitati, come
l’acquisto della proprietà di un bene o la conclusione di contratti.

È accaduto grazie all’azione congiunta del Nonhuman RightsProject, un gruppo di attivisti che hanno portato presso la corte suprema dello stato di
New York la causa di Hercules e Leo, due scimpanzé che vivono in cattività alla
New York State University, e vengono utilizzati all’interno dell’ateneo per
delle ricerche sulle funzioni motorie.

L’obiettivo finale della campagna portata avanti dagli attivisti è far sì che i gli scimpanzé
possano essere trasferiti in una riserva naturale nello stato americano del Florida.

La tesi difensiva del gruppo di attivisti si fonda sul
considerare questa specie come dotata di intelligenza autonoma. Qualora venisse accolta dalla corte, tenere in cattività i due animali equivarrebbe a una
detenzione illegittima.

Gli attivisti hanno ottenuto un’udienza fissata per il
prossimo sei maggio a New York. A pronunciarsi sarà Barbara Jaffe, giudice della corte suprema di New York, la quale ha già emesso un ordine, noto negli ordinamenti
anglosassoni come writ of habeas corpus.

Con questo ordine, una corte federale può richiedere che un prigioniero venga portato in
giudizio per determinare la legittimità del suo stato detentivo.

In base alla legge, il writ
può essere concesso solo a coloro che godono dello status di persona
giuridica: dunque, affinché l’ordine emesso possa produrre i suoi effetti, il giudice Jaffe dovrà dimostrare che agli scimpanzé possono
essere riconosciuti quei diritti minimi normalmente attribuiti agli esseri
umani.

Steven Wise, avvocato di Boston e membro del gruppo attivista,
ha dichiarato che in caso di vittoria, la pronuncia favorevole potrebbe gettare
le basi per considerare quali persone giuridiche anche altre specie animali, come gli
elefanti, i delfini o le balene.

La richiesta del gruppo attivista non costituisce un esempio
isolato: già nel dicembre 2014, un giudice argentino aveva affrontato un caso
simile, riconoscendo a uno scimpanzé il trasferimento in una riserva, senza però
spingersi al punto da riconoscere al mammifero i diritti tradizionalmente riservati agli esseri umani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”