Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Impiccata per aver ucciso il suo molestatore

Immagine di copertina

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata il 25 ottobre per aver ucciso l'uomo che aveva cercato di violentarla nel 2007

Reyhaneh Jabbari aveva 26 anni. È stata impiccata nel carcere di Raja’i Shahr, 20 chilometri a ovest della capitale iraniana Teheran, all’alba del 25 ottobre.

Era accusata di aver ucciso, nel 2007, l’uomo che aveva cercato di violentarla con una coltellata nella schiena. Secondo le autorità, Reyhaneh era colpevole di omicidio premeditato.

“Aveva confessato l’omicidio ripetutamente e aveva poi cercato di cambiare il corso del processo, inventandosi l’accusa di violenza sessuale. L’arma del delitto, un coltello da cucina, era stata acquistata con due giorni di anticipo”, ha dichiarato l’ufficio del procuratore per mettere a tacere le voci di denuncia che si sono alzate dopo l’esecuzione della ragazza.

L’organizzazione per la difesa dei diritti dell’uomo Amnesty International ha accusato il governo iraniano di non aver compiuto indagini dettagliate sulla vicenda.

L’uomo che Reyhaneh era accusata d’aver ucciso si chiamava Morteza Abdolali Sarbandi ed era un ex membro dei servizi segreti iraniani. Amnesty International sostiene che questo abbia influito in maniera negativa sull’imparzialità del processo.

La corte aveva condannato a morte Reyhaneh nel rispetto della legge del taglione, in vigore nel Paese. Secondo questa legge, i membri della famiglia di Sarbandi avrebbero potuto perdonarla, ma i famigliari dell’uomo ucciso volevano che Reyhaneh ritirasse l’accusa di tentato stupro.

Lei si è sempre rifiutata, e per questo ha pagato con la vita. Dall’inizio del 2015, sono state giustiziate 250 persone in Iran.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov: sappiamo del piano italiano solo dalla stampa. L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”