Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Incontro Trump-Putin, perché proprio in Finlandia? Breve storia geopolitica del paese (e dei suoi rapporti con Mosca)

Immagine di copertina

La Finlandia ha ottenuto l'indipendenza da Mosca nel 1917, ma i rapporti tra i due vicini sono sempre stati tesi. La capitale finlandese Helsinki ospita il summit tra Trump e Putin

Il presidente americano Trump e il suo omologo russo Putin si incontrano oggi, 16 luglio 2018, a Helsinki, la capitale della Finlandia. Ma come mai è stato scelto proprio questo paese?

La decisione ha una particolare valenza geopolitica data la posizione geografica del paese: la Finlandia confina con la Russia e cerca di mantenere buone relazioni sia con il suo vicino che con gli altri Stati occidentali.

La Finlandia è diventata parte dell’Impero russo nel 1809 dopo essere stata sotto il controllo della corona svedese per quasi 700 anni.

Il paese ha poi ottenuto l’indipendenza nel 1917, anno della nascita dell’Unione Sovietica.

I rapporti tra i due paesi sono sempre stati tesi: nel corso della Seconda guerra mondiale infatti sono scoppiati due diversi conflitti che hanno visto contrapporsi la Finlandia e l’Urss.

Uno dei pilastri della politica estera del paese scandinavo è stata la “politica di non allineamento” intrapresa nel corso del Ventesimo secolo e che ha permesso alla Finlandia di porsi come Stato neutrale nella regione.

Grazie a questa politica, la Finlandia è stata in grado di mantenere dei buoni rapporti con il suo vicino russo, evitando ingerenze nelle sue questioni interne da parte dell’Unione sovietica.

In base agli accordi presi con la potenza confinante, la Finlandia si era impegnata a non aderire ad alleanze che avessero come nemico l’Urss.

Una volta crollata l’Unione sovietica, la Finlandia ha investito sempre di più nelle relazioni con le potenze occidentali.

Nel 1992, infatti, il paese ha presentato la richiesta di adesione alla Comunità europea, diventandone membro nel 1995 in seguito ad un referendum.

È l’unico paese del nord Europa ad aver aderito alla moneta unica.

La Finlandia fa anche parte delle Nazioni Unite, ma non ha aderito all’Alleanza Atlantica, nonostante abbia partecipato al programma Partnership for Peace e ad alcune operazioni di pacekeeping internazionali.

L’entrata nella Nato infatti metterebbe a repentaglio i rapporti con la Russia, che ha più volte sottolineato la sua contrarietà all’espansione ad est dell’Alleanza.

La Russia e la Finlandia mantengono tra di loro importanti relazioni economiche.

Mosca era il partner commerciale principale della Finlandia negli anni Novanta e al momento la Russia fornisce al vicino scandinavo petrolio, carbone e gas.

I rapporti tra i due vicini, però, continuano ad essere tesi, come dimostra la creazione di una linea di comunicazione militare diretta tra i vertice dei due eserciti.

Il progetto si inserisce nell’ambito delle politiche volute dalla Finlandia per far fronte alla minaccia russa di una possibile espansione nella regione.

Inoltre, il paese scandinavo, in cui il servizio militare per gli uomini è obbligatori, ha aumentato la portata del suo esercito per garantirsi una maggiore sicurezza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari